Flora
Campanula dichotoma
Campanula dichotoma
Campanula dichotoma L. Cent. Pl. 2: 10. (1756) Campanulaceae Campanula dicotoma Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie. Descrizione: Pianta erbacea annuale alta 10÷15 (35) cm ,coperta di peli ispidi e patenti e con radici verticali. Fusto eretto con ramificazioni regolari nella parte aerea (dicotomia), ispido di peli patenti (0,5 - 2 mm) e fistoloso. Foglie basali verdi, caduche dopo l'antesi, di forma oblungo-ovale con margine dentellato, ondulato e talvolta intero; le caulinari semiappressate o sessili (6 - 24 x 2 - 10 mm) alternate e di forma ovato-oblunga. Fiori di colore blu-lillacino, solitari, posti all'ascella delle foglie e su corti peduncoli, eretti prima dell'antesi e poi ricurvi, formanti un'infiorescenza paniculo-corimbiforme. Calice (4) 11 (17) mm di Ø con appendici lanceolate. Sepali più corti de petali(almeno la metà), ricoperti di peli e con due appendici nella parte basale. Corolla (5 - 23 x 3 - 18 mm) ± tubulosa e con lobi patenti di 4 - 10 mm e più corti del tubo. Antere 3 - 5 mm. Stilo trifido non superante il tubo corollino 5 - 13 mm. Ovario ispido penta o triloculare. Il frutto è deiscente con fori laterali. Semi piccoli (0,6 - 0,8 x 0,2 - 0,3 mm). Tipo corologico: Steno-Medit.-Occid. - Bacino occidentale del Mediterraneo, dalla Liguria alla Spagna ed Algeria. Antesi: Aprile - Giugno Distribuzione in Italia: Presente in ABR - CAM - PUG - CAL - SIC . Habitat: Ravaneti, scarpate, a margine di sentieri e sui muri. Da 0 a 1300 m slm. Note di Sistematica: Questo genere ha ancora problemi di inquadramento tassonomico per la grande variabilità morfologica all'interno della stessa specie. Dal punto di vista morfologico è compreso in 2 gruppi: 1) a foglie isofile (con foglie ± della stessa forma). 2) a foglie eterofile (con foglie basali cordato od oblunghe diverse dalle caulinari). La Flora Europea (Tutin T.G. ed. 1976) divide il genere in 2 sottosezioni: 1) Rapunculoides, caratterizate da capsule deiscenti con pori laterali e calice privo di appendici. 2) Campanula, con capsule deiscenti o raramente indeiscenti per mezzo di pori basali o valvole e calice senza o con appendici. Note, possibili confusioni: Specie abbastanza polimorfa infatti risulta che nelle osservazioni operate in regioni diverse (es. Calabria e Sicilia) si discosta nelle dimensioni che risultano ± variabili da quelle descritte nella scheda. Etimologia: Campanula è il termine antico di derivazione volgare poi utilizzato dal botanico belga di Dodoeus (1517 - 1585), usato allo stesso modo in quasi tutte le atre lingue. L'epiteto della specie è riferito alla dicotomia delle ramificazioni della parte superiore. Da http://www.actaplantarum.org/
Link percorso: Scifi
Comune: Forza Agro - Località: Scif
Coordinate. Inizio percorso: 37°56'21,02''-15°18'18,80''- Fine percorso: 37°56'21,02''-15°18'18,80''
Quota. Inizio percorso: 138 m - Fine percorso: 138 m

Visualizza Chiesa santi Pietro e Paolo in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Copyright Camillo Bella per Etnanatura 2016