Flora
Clinopodium vulgare
Clinopodium vulgare
Il clinopodio dei boschi (Clinopodium vulgare L.) è un'erba della famiglia Lamiaceae, affine alla menta.È una pianta erbacea perenne, a maturità alta dai 30 ai 70 cm, con fusti in parte striscianti e in parte eretti. Ha peli patenti o crespi di 1-1,5 mm. Le foglie hanno una lamina di forma ovale o lanceolata, con brevissimi dentelli sul margine; a maturità sono larghe da 15 a 23 mm e lunghe da 32 a 46 mm. Hanno un picciolo di 26 mm. L'infiorescenza è composta da alcuni verticillastri, che possono comprendere da 14 a 40 fiori, posti all'ascella delle foglie. Alla base dei fiori sono presenti delle bratteole filiformi larghe 0,2 mm e lunghe 1013 mm. I fiori hanno un calice gamosepalo di 712 mm, con denti lunghi la metà o due terzi del tubo, e una corolla bilabiata lunga 1214 mm, di colore rosa o porpora. Fiorisce da giugno ad agosto. Il Clinopodium vulgare cresce in boschi di latifoglie, fino a 1500 m di quota. Questa pianta ha una distribuzione circumboreale; in Italia la subsp. vulgare è presente su tutto il territorio ad eccezione delle isole, mentre la subsp. arundanum è presente in Sardegna, Sicilia, Toscana, Marche, Friuli Venezia Giulia, e tutte le regioni del meridione a partire da Molise e Campania. La specie Clinopodium vulgare appartiene al genere Clinopodium della famiglia Lamiaceae. Si possono distinguere due sottospecie: C. vulgare subsp. vulgare, con calice piccolo (da 7 a 9,5 mm), in Italia diffusa soprattutto nelle regioni settentrionali; C. vulgare subsp. arundanum (Boiss.) Nyman, con calice maggiore (da 9,5 a 12 mm). Da Wikipedia
Link percorso: Nuova Gussonea
Comune: Ragalna - Località: Piano Vetere
Coordinate. Inizio percorso: 37°41'35,15''-14°58'51,60''- Fine percorso: 37°41'50,82''-14°57'56,13''
Quota. Inizio percorso: 1738 m - Fine percorso: 1738 m

Visualizza Monte Nero degli Zappini in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Copyright Camillo Bella per Etnanatura 2016