Flora
Convolvulus
Convolvulus
Il convolvolo o vilucchio (Convolvulus arvensis Linnaeus, 1753 ) è una specie di convolvolo originario dell'Europa e dell'Asia, molto comune in tutta Italia, dalla pianura alla media montagna. La forma biologica è G rhiz - Geofite rizomatose, cioè piante con un rizoma sotterraneo che ogni anno emette radici e fusti. È una pianta erbacea perenne, rampicante o strisciante, che raggiunge a maturità una lunghezza di 0,5-2 m. Possiede un rizoma biancastro e fusti erbacei generalmente avvolti verso sinistra. Ha foglie spiralate, da lineari a cuoriformi, lunghe 2-5 cm, larghe 2-3 cm e con picciolo di 1-3 cm. I fiori, portati all'ascella delle foglie mediane, hanno calice e corolla entrambi campanulati: il calice, erbaceo, di 4-5 mm, la corolla da 1 a 2,5 cm di diametro, di colore bianco o rosa pallido, con cinque strisce radiali di un rosa leggermente più scuro. Il fiore ha antere violacee e stimma bianco con due lobi divergenti. Fiorisce da aprile a ottobre. Il frutto è una capsula sferica glabra. È presente in due varietà: Convolvulus arvensis var. arvensis, a foglie larghe; Convolvulus arvensis var. linearifolius, a foglie lineari. Nonostante produca fiori attraenti, è spesso considerato una sgradita pianta infestante nei giardini a causa della sua rapida crescita e del soffocamento delle altre piante coltivate. In una delle leggende raccolte dai Fratelli Grimm, La tazzetta della Madonna, questo fiore venne usato dalla Madonna per bere vino quando aiutò a liberare il carretto di un carrettiere. La leggenda narra che "il piccolo fiore viene ancora chiamato Tazzetta della Madonna". Da Wikipedia.
Link percorso: Gazzena
Comune: Acireale - Località: Capo Mulini
Coordinate. Inizio percorso: 37°35'01,25''-15°10'18,65''- Fine percorso: 37°35'01,25''-15°10'18,65''
Quota. Inizio percorso: 60 m - Fine percorso: 60 m

Visualizza Gazzena in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Copyright Camillo Bella per Etnanatura 2016