Flora
Eupatorium cannabinum
Eupatorium cannabinum
La Canapa acquatica (nome scientifico Eupatorium cannabinum L.) è una pianta erbacea perenne, abbastanza robusta e tomentosa, appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Il nome del genere (Eupatorium) deriva dal greco: nascita da padre nobile. Qui si fa riferimento a Mitriade Eupatore, che fu re del Ponto nel I secolo a.C. e al quale si attribuisce il primo utilizzo medicinale. Il nome specifico è ricavato dalla somiglianza di questa pianta con la comune canapa (Cannabis sativa). Il nome in inglese della pianta è: Hemp agrimony. La forma biologica della specie è emicriptofita scaposa (H scap); sono piante perennanti per mezzo di gemme poste al suolo e con asse fiorale allungato. Le radici sono secondarie da rizoma. Fusto. Parte ipogea: il fusto ipogeo è un rizoma sotterraneo da cui sorgono diversi fusti aerei. Parte epigea: il fusto epigeo è eretto, striato, legnoso alla base ed è alto 1,5 2 metri (altezza minima 50 cm), mentre in larghezza può occupare uno spazio fino a 1,2 metri; il portamento del fusto è semplice e ramificato solo nella parte alta; è di colore rossiccio e pubescenza (rivestito da peli increspati) di preferenza nella parte alta. Le foglie sono a disposizione opposta; sono brevemente picciolate ed hanno la forma palmato lobata (sono divise in 3 - 5 profonde lacinie lanceolate), quelle inferiori a volte sono semplici; sia l'apice della foglia che la sua base sono acuti; il margine è seghettato - dentato. Dimensioni delle foglie: le inferiori 3 x 9 cm; le superiori 1522 mm di larghezza per 4260 mm di lunghezza. L'infiorescenza è formata da diversi capolini riuniti in densi corimbi (la parte terminale della pianta è molto ramificata) di circa 10 cm di diametro. Ogni capolino porta pochi fiori (meno di una decina, normalmente 4 -6) dalla forma tubolare inseriti su un ricettacolo nudo circondato da circa 10 brattee involucrali (squame) verdi di forma ovale o oblunga con il margine lievemente arrossato; queste brattee sono disposte su due verticilli, e quelle esterne sono più brevi. Caratteristica di questa infiorescenza è l'avere tutti i fiori quasi perfettamente delle stesse dimensioni. I fiori sono profumati tenuamente e sono ermafroditi. L'involucro (l'insieme di calice e corolla) è lungo al massimo 7 mm ed è di forma cilindrica dal diametro di 2 mm. Sono assenti i fiori ligulati, il capolino si compone solamente di fiori tubulosi lunghi circa 10 mm. Corolla: la corolla è di colore roseo porporino ma anche lillacino torbido; ha la forma tubolare e alla fauce è divisa in cinque lobi (denti). Androceo: le antere sono arrotondate alla base. Gineceo: lo stilo è bianco e progressivamente assottigliato con lo stimma bilabiato. Fioritura: da luglio a settembre. Impollinazione: tramite api e farfalle; il nettare viene secreto alla base del tubo corollino. Il frutto è un achenio di forma ovale oblunga lungo mediamente 3 4 mm; longitudinalmente lo percorre cinque coste e la superficie è rugosa; nella parte apicale è inserito il pappo con diverse setole cenerine - biancastre molto lunghe (fino a 5 mm) ed evidenti che il vento può portare (assieme al frutto) anche molto lontano. Diffusione: è presente in quasi tutta l'Europa, Asia occidentale, Africa settentrionale, Siberia sud-occidentale e Australia. In Italia è comune su tutto il territorio. Habitat: questa pianta si trova facilmente in luoghi umidi e ombrosi; boschi freschi o argini di torrenti, ma anche terreni alluvionali e arbusteti in zone paludose. Diffusione altitudinale: dal piano a 1300 m s.l.m.. Da Wikipedia.
Link percorso: Piano Margi
Comune: Forza Agro - Località: Piano Margi
Coordinate. Inizio percorso: 37°54'15''-15°17'31''- Fine percorso: 37°55'23''-15°17'37''
Quota. Inizio percorso: 446 m - Fine percorso: 574 m

Visualizza Piano Margi in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Copyright Camillo Bella per Etnanatura 2016