Flora
Matthiola incana
Matthiola incana
La Violaciocca rossa (Matthiola incana (L. ) R.Br.) è una pianta erbacea perenne della famiglia della Brassicaceae (o Crocifere), originaria delle regioni mediterranee. Il genere Matthiola prende il nome da Pietro Andrea Mattioli (1501- 1578), medico e botanico senese. La violaciocca è alta 30-60 cm, ha il fusto cilindrico, rigido, contorto e legnoso alla base, con cicatrici delle foglie degli anni precedenti. La pelosità va dal glabrescente al bianco-tomentoso per peli ramificati, a volte con rari peli ghiandolari. Le foglie sono di colore cenere, lanceolate (1-3 x 5-12 cm) e vellutate; il margine è intero o con denti ottusi. Sono a volte presenti lacinie basali ottuse, oppure le foglie possono presentarsi sinuate, ondulate o pennatosette. Il fiore è composto da un calice di quattro sepali di 9-15 mm bordati di violetto e piegati a sacco nella parte inferiore; una corolla di quattro petali violetti, spatolati, lunghi 17-24 mm, con larghezza massima di 8 mm. Fiorisce da marzo a maggio. Il frutto è una siliqua appiattita lunga 60-100 mm e larga 3 mm, con apice acuto e due bitorzoli laterali che si notato soprattutto prima della maturazione. E' sorretta da un peduncolo di 10-20 mm. La violaciocca predilige suoli calcarei, e cresce spesso su rupi a picco sul mare, o su vecchi muri. E' una pianta del litorale, ma si può trovare, naturalizzata, anche nell'entroterra fino a 600 m di altitudine. E' una pianta steno-mediterranea, diffusa cioè lungo le coste del mar Mediterraneo, all'incirca nell'areale dell'olivo. In Italia è comune lungo tutta la costa tirrenica, dalla Liguria alla Calabria, lungo le coste del mar Ionio e Adriatico a sud del Conero, e sulle isole. In altre parti d'Italia si trovano individui coltivati, o sfuggiti alla coltivazione e naturalizzati. In Italia esistono due sottospecie di Matthiola incana: la sottospecie incana e la sottospecie rupestris. M. incana subsp. incana: è la sottospecie più diffusa, si riconosce dalle foglie inferiori ad apice acuto, larghe al massimo 22 mm, dal tomento color cenere e dalla lunghezza dei sepali (9-13 mm); M. incana subsp. rupestris (Rafin.) Nyman: si trova raramente, in Sicilia, nelle isole Egadi e a Gozo, si distingue dalla sottospecie nominale per le foglie inferiori ad apice acuto e larghe anche 20-40 mm, dalla scarsità di peli e dai sepali che sono lunghi 11-15 mm. Sull'isola di Pantelleria è presente una varietà di M. incana (M. incana var. pulchella (Tineo) Fiori) caratterizzata da una particolare abbondanza di peli ghiandolari. La violacciocca è il simbolo della bellezza durevole. Da wikipedia.
Link percorso: Villa Calanna
Comune: Acireale - Località: Capo Mulini
Coordinate. Inizio percorso: 37°35'01,25''-15°10'18,65''- Fine percorso: 37°35'01,25''-15°10'18,65''
Quota. Inizio percorso: 60 m - Fine percorso: 60 m

Visualizza Gazzena in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Copyright Camillo Bella per Etnanatura 2016