Flora
Viola alba
Viola alba
Viola alba Besser subsp. alba Prim. Fl. Galiciae Austriac. 1: 171. (1809) Viola scotophylla Jord., Viola alba Besser subsp. scotophylla (Jord.) Nyman Violaceae Viola bianca, Viola a foglie scure, Deutsch: Weisses Veilchen English: White violet Español: Violeta, Viola boscana Français: Violette blanche Forma Biologica: H ros - Emicriptofite rosulate. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con foglie disposte in rosetta basale. Descrizione: Pianta erbacea rosulata, acaule, con stoloni epigei allungati e sottili, fioriferi già al primo anno, ma non radicanti. Foglie tutte basali in rosetta, lungamente picciolate, persistenti in inverno, a lamina ovato-cuoriforme, arrotondata o più spesso appuntita all'apice, ± pelosa, crenata al margine; foglie invernali sono più scure, spesso violacee di sotto, le estive verde-chiare. Stipole lanceolato-lineari, 4-8 volte più lunghe che larghe, ad apice acuminato e con lunghe fimbrie ciliate. Scapi fiorali alti fino a 15 cm, afilli, con le brattee inserite alla metà del peduncolo o più in alto. Fiori zigomorfi, odorosi; calice con sepali largamente ovali ad apice arrotondato o ottuso, con appendici di 0,5-1,5 mm. Corolla 15-20 mm, bianca, con petali laterali ravvicinati all'inferiore. Sperone ottuso, di colore variabile, violaceo o generalmente verde-giallastro, spesso ricurvo. Stami 5. Ovario supero tricarpellare. Il frutto è una capsula loculicida subsferica, generalmente pubescente, verde chiara o bruno-violacea, deiscente a tre valve. Impollinazione: entomogama Disseminazione: mirmecocora (formiche) Numero cromosomico: 2n=20 Tipo corologico: Europ. - Areale europeo. Antesi: febbraio÷aprile Distribuzione in Italia: Presente in quasi tutte le regioni settentrionali. Habitat: Boschi chiari, radure, siepi, luoghi erbosi, da 0 a 1000 m s.l.m. Note di Sistematica: Pianta molto variabile anche nell'interno di una stessa popolazione. In Italia sono presenti due sottospecie: Viola alba Besser subsp. alba e Viola alba Besser subsp. dehnhardtii (Ten.) W. Becker. Quest'ultima si differenzia dalla sottospecie nominale per avere la corolla generalmente viola chiara o celeste con sperone violetto, le foglie subglabre a lamina triangolare, molto cordata alla base, stoloni epigei corti, spesso mancanti e la capsula pubescente solo alla base. La terza entità, Viola alba Besser subsp. scotophylla (Jord.) Nyman, è stata incorporata nella subspecie nominale come sinonimo in quanto le piccole differenze biometriche hanno un dubbio valore tassonomico. Può essere confusa con Viola odorata L., Viola suavis Bieb., Viola hirta L. e Viola collina Besser. Sono possibili gli ibridi di Viola alba Besser con Viola odorata L. e Viola hirta L. Etimologia: Il nome del genere deriva dal gr. '(f)ìon', viola, violetta. L'epiteto specifico dal lat. 'albus, -a, -um', bianco. Curiosità: I piccoli semi delle Viole sono dotati di una piccola coda giallastra (elaisoma), fatta di grassi, di cui sono molto ghiotte le formiche. Queste raccolgono i semi e li portano nei loro nidi sotterranei, dopo aver mangiato la parte dei nutrienti elaisomi li abbandonano, lasciandoli praticamente già "seminati" e pronti a germogliare per la nuova stagione. Da actaplantarum.org
Link percorso: Riconco di Liricio
Comune: Castiglione di Sicilia - Località: Solicchiata
Coordinate. Inizio percorso: 37°51'02,96''-15°04'11,50''- Fine percorso: 37°50'31,64''-15°03'54,86''
Quota. Inizio percorso: 872 m - Fine percorso: 1010 m

Visualizza Riconco di Liricio in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Copyright Camillo Bella per Etnanatura 2016