Grotta santa Maria della neve
Attenzione! L'ingresso nelle grotte o nelle cave comporta sempre elevati livelli di pericolo e deve essere fatto solo con attrezzature adeguate e in presenza di personale qualificato.

Grotta santa Maria della neve
Comune:
Acireale - Località: Villa Belvedere
Coordinate inizio percorso: 15°10'13'' - 37°37'18''
Coordinate fine percorso: 15°10'13'' - 37°37'18''
Quota inizio percorso: 145 m.s.m. - Quota fine percorso: 145 m.s.m.
Tempo percorso (andata e ritorno): 10'
Distanza (andata e ritorno): 0.1 km
Grado difficoltà: 1/10

Descrizione:
Sulla strada provinciale che scende verso il mare, a breve distanza dalla Villa Belvedere, si erge una minuscola chiesetta dal nome suggestivo che rievoca tempi e fatti avvolti nella leggenda anche se storicamente collocati a metà del ’700. L’antichissima grotta lavica, parte integrante dell’attuale chiesetta, che curiose leggende dipingevano come ricettacolo di ladri e assassini o addirittura dimora di demoni ed orride bestie, fu in verità adibita da qualche pastore della zona a ricovero per le capre, o scelta come rifugio provvisorio da qualche “discursore di campagna” nell’attesa di assalire malcapitati viandanti che solitari si avventuravano per quel sentiero. Nel 1752 un pio sacerdote, don Mariano Valerio, per adempiere ad un voto pensò di tramutarla in chiesa con l’intento di esporvi un presepe e ricordare così la nascita di Gesù. Per l’occasione, scrisse pure una collana di sonetti in dialetto siciliano da recitarsi davanti al presepe della Grotta ogni mese. Morto il Valerio, divenne Rettore della chiesa il can. Pasquale Pennini che nel 1820 ampliò la grotta costruendo un pronao con tre colonne e abbellì il prospetto in pietra bianca su cui spiccano i componenti della Sacra Famiglia, ben visibile dal mare di S. Maria La Scala. Qualche anno prima che la chiesetta subisse questi restauri, fu dato l’incarico di rinnovare il presepe ad un bravo artigiano acese, Mariano Cormaci, il quale si era messo in luce avendone costruito uno bellissimo nella chiesa madre di S. Venerina. Il Cormaci,attivo tra la fine del ‘700 e la prima metà dell’800, verso il 1812 plasmò nella cera, insieme allo Zammit, conosciuto come “ u nuticianu” perché proveniente da Noto, e al romano Santi Gagliani, le teste dei pastori; le mani, invece, furono intagliate nel legno ed inseriti in manichini rivestiti con varie stoffe, a seconda del ruolo dei personaggi che risultarono quasi a grandezza naturale. Le stoffe dei vestiti, ad eccezione delle sete e dei damaschi con ricami in oro dei Re Magi, rovinate purtroppo dal tempo, sono state rinnovate, mentre le barbe ed i capelli dei pastori sono ancora gli stessi donati dai fedeli come ex voto. Gli animali presenti sulla scena, pecore e conigli, sono stati modellati in gesso. Per questi lavori eseguiti con tecniche raffinate e con risultati artistici veramente sorprendenti, il Cormaci ricevette un compenso annuo di onze due e tarì 15, poca cosa per un lavoro così ben fatto. Si disse – ma è solo una diceria – che per modellare quelle teste l’artista avesse usato una tecnica segreta, poiché i successivi restauri non riuscirono ad imitare la tecnica conosciuta solo da sua nipote: in seguito alcuni volti furono rinnovati in gesso o in cartapesta con risultati meno apprezzabili, tanto che nei restauri del 1984 sono stati accantonati. Le figure sono di un realismo impressionante e formano un’interessante tipologia popolare e un ricco campionario di costumi dell’epoca. Lo spettatore, colpito dalla dolcezza dell’evento narrato a cui partecipa la natura tutta, è attratto da “Jnnaru”, coperto di stracci, contento di stare a scaldarsi davanti al braciere. Tra i personaggi tipici ricordiamo anche il Suonatore di cornamusa, lo Spaventato della grotta, i numerosi contadini – belli, dolci, estatici – che recano in dono ceste di arance, fiscelle di ricotta ed altre umili cose che poveri pastori “alla campìa” potevano offrire a Gesù appena nato. Tutti fanno da corona alla Sacra Famiglia: a fianco a Maria che osserva estasiata la sua Creatura con un sguardo materno pieno di dolcezza c’è S. Giuseppe, pensoso, appoggiato al suo bastone; e tutti sembrano cantare, per celebrare la sacralità della vita, il terzo “mistero gaudioso” nel colorito dialetto:

Parturistuvu Gran Signura
'nta 'na povera mangiatura:
e nasciu Gesù Bammineddu,
'mmenzu 'nvoi e 'n'asineddu.
Sul finire dell’800, la chiesetta che intanto aveva preso pure il nome di S. Maria della Neve, restò chiusa per qualche anno, ma a partire dal 1900, grazie all’interesse della nobildonna M. Serafina Pennisi, erede dei Valerio, fu riaperta al pubblico per le festività natalizie con la celebrazione di una messa presieduta dal vescovo mons. Genuardi. Nel 1984 la Sovrintendenza per i beni culturali di Catania ha restaurato ogni componente del Presepe facendo sì che fosse cancellata l’usura del tempo e la violenza di discutibili restauri precedenti. All’ingresso, sulla stretta parete del pronao fa bella mostra di sé la splendida pala d’altare di Vito D’Anna raffigurante la “Natività”, forse dipinta nel 1740, dal pittore palermitano poco più che ventenne negli anni in cui frequentava la bottega del nostro Paolo Vasta, i cui influssi sono evidenti. Delicato il volto della Madonna, ricche le vesti della giovane donna che invita il figlioletto a rendere omaggio al Bambino Gesù mentre sullo sfondo, nella penombra, S. Giuseppe manifesta la sua ieratica, discreta presenza a così grande mistero.
(Testo tratto dall’opuscolo “Angeli e Campane”)

Download mappe
Indicazioni percorso:
All'inizio della provinciale per Riposto provenendo da Acireale.

Come arrivare all'inizio del sentiero:
Indirizzo di partenza:

(es.: Via Nazionale, 87, 00184 Roma, Italia)

Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(**) Pagina Mappa Tipologia
Grotta santa Maria della neve00LinkLinkGrotte-Chiese-Timpa Acireale-Barocco
Grotta Falconiera0.120.44LinkLinkGrotte-Timpa Acireale
Timpa Falconiera0.122.71LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Grotta delle Palombe Acireale0.480.52LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Santa Maria la Scala0.521.1LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Miuccio1.031.25LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Chiazzette1.050.58LinkLinkTimpa Acireale-Castelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Fortezza del Tocco1.050.58LinkLinkTimpa Acireale-Castelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Chiesa della Maddalena1.491.49LinkLinkChiese-Barocco
Loreto1.641.64LinkLinkChiese-Medioevo e Rinascimento
Pietra Monaca1.671.62LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Grotta Scannato1.933.01LinkLinkGrotte-Timpa Acireale
Santa Caterina1.982.02LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Torre del Greco2.242.4LinkLinkTimpa Acireale-Castelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Santa Tecla2.283.37LinkLinkTimpa Acireale-Castelli e ruderi-Arabi e Normanni
Mamma li Turchi2.3912.87LinkLinkCastelli e ruderi-Speciali-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Acque grandi3.183.18LinkLinkAree protette-Timpa Acireale
Palazzo Riggio3.413.41LinkLinkCastelli e ruderi-Barocco-Palazzi storici
Grotta Giuffrida3.533.7LinkLinkGrotte
Palazzo Riggio Carcaci3.863.81LinkLinkCastelli e ruderi-Palazzi storici

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Acireale
Siti Web
Etichette:
- - - - - - -
© 2016 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)