Santuario Dinnammare

Santuario Dinnammare
Comune:
Messina - Località: Dinnammare
Coordinate inizio percorso: 15°27'54'' - 38°09'31''
Coordinate fine percorso: 15°27'53'' - 38°09'30''
Quota inizio percorso: 1105 m.s.m. - Quota fine percorso: 1101 m.s.m.
Tempo percorso (andata e ritorno): 10'
Distanza (andata e ritorno): 0.1 km
Grado difficoltà: 1/10
Suggerito da: Rosangela Russo
Foto di: Rosangela Russo

Descrizione:
Il santuario della Madonna di Dinnammare sorge sulla cima dell'omonimo monte, alto circa 1130 metri, che fa parte della catena dei monti Peloritani. Il nome Dinnammare deriverebbe dal termine latino "bimaris", poiché dalla sua vetta è possibile godere della visuale dei due mari, lo Jonio e il Tirreno. Dal piazzale della chiesa si può ammirare la città di Messina in tutta la sua grandezza e lo stretto nella sua maestosità. Volgendo lo sguardo sul versante Tirrenico, è invece possibile osservare la baia di Milazzo le vulcaniche Eolie. Due sono le leggende che raccontano l'inizio del culto della Madonna di Dinnammare. Un pastorello di buoi della famiglia Occhino si trovava sul monte e si imbatté in una tavoletta di marmo alta 2 palmi e larga 1 palmo e mezzo. Se la portò a casa ma la mattina seguente non la trovò più dove l'aveva riposta, bensì nel posto dove l'aveva trovata il giorno prima. Questo per ben due volte. Saputo ciò, il parroco del paese volle che la tavoletta venisse custodita in chiesa ma, la mattina seguente, il pastorello Occhino la ritrovò ancora sul monte. Era troppo manifesto che la Madonna volesse stare lassù e così, ad Essa gli abitanti di Larderia eressero una chiesetta. Un'altra leggenda racconta che la sacra Icona venisse dal mare portata sulla schiena da due mostri marini che la deposero nel tratto di spiaggia di fronte al monte. I pescatori che lì si trovavano, la adorarono per diversi giorni ed un gruppo ampio di pellegrini fece visita alla santa Icona tantoché la spiaggia diventò un santuario. Successivamente gli stessi pescatori La portarono sulla vetta del monte dove sorge la chiesetta.
Da Wikipedia

Download mappe
Indicazioni percorso:
Sulla sp 50 bis da Messina

Come arrivare all'inizio del sentiero:
Indirizzo di partenza:

(es.: Via Nazionale, 87, 00184 Roma, Italia)

Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(**) Pagina Mappa Tipologia
Santuario Dinnammare00.04LinkLinkChiese
Santa Maria dei cerei4.514.51LinkLinkChiese-Bizantini
Le cube4.5179.88LinkLinkChiese-Archeologia-Speciali-Bizantini
Rometta4.554.56LinkLinkChiese-Castelli e ruderi-Archeologia-Speciali-Preistoria-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Castello di Roccavaldina8.518.51LinkLinkCastelli e ruderi-Medioevo e Rinascimento
Monte Scuderi12.5611.82LinkLinkAree protette-Ciclabili
Rifugio Cipollazzo16.4716.97LinkLinkAree protette-Rifugi-Ciclabili
Castello Milazzo20.9921.16LinkLinkCastelli e ruderi-Archeologia-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Postoleoni21.4219.96LinkLinkRifugi-Ciclabili
Sant Antonio Milazzo23.6323.64LinkLinkChiese
Savoca25.0325.41LinkLinkChiese-Valle Agro-Castelli e ruderi-Speciali-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Castello di Pentefur25.2825.27LinkLinkCastelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Maria Assunta Savoca25.4125.41LinkLinkChiese-Medioevo e Rinascimento
Casalvecchio25.5625.62LinkLinkChiese-Valle Agro-Speciali-Medioevo e Rinascimento-Barocco
Gole Aranciara28.0728.29LinkLinkValle Agro-Fiumi e laghi
Chiesa santi Pietro e Paolo28.1227.21LinkLinkChiese-Valle Agro-Bizantini
Scifi28.1228.12LinkLinkValle Agro-Archeologia-Romani
Villa romana san Biagio28.4928.47LinkLinkArcheologia-Romani
San Michele Forza Agro29.128.77LinkLinkChiese-Valle Agro-Bizantini-Medioevo e Rinascimento
Casale29.1128.77LinkLinkCiclabili-Chiese-Valle Agro-Castelli e ruderi-Bizantini

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Messina
Siti Web
Etichette:
- - - -
© 2016 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)