• Cascate Mistretta

    Cascate Mistretta

  • Colle san Mauro

    Colle san Mauro

  • Monte Ilice

    Monte Ilice

  • Monte Vetore

    Monte Vetore

  • Petraro

    Petraro

  • Monte Ceraulo

    Monte Ceraulo

  • Schiena dell Asino

    Schiena dell Asino

  • Teatro Romano Catania

    Teatro Romano Catania

  • Cunziria di Vizzini

    Cunziria di Vizzini

  • Monte Kalfa

    Monte Kalfa

  • Borgo rurale Cassibile

    Borgo rurale Cassibile

  • Roverella Cugnu di Mezzu

    Roverella Cugnu di Mezzu

  • Rifugio Margio Salice

    Rifugio Margio Salice

  • Grotta Piano Cavoli

    Grotta Piano Cavoli

  • San Giuseppe il giusto

    San Giuseppe il giusto

  • Castello di Montalbano

    Castello di Montalbano

  • Grotte di Caratabia

    Grotte di Caratabia

  • Osservatorio vulcanologico

    Osservatorio vulcanologico

  • Mamma li Turchi

    Mamma li Turchi

  • Gazzena

    Gazzena

  • Current
Etna - Giovedì 22-04-2021 20:07:52 - Il sole sorge alle 06:13 e tramonta alle 19:43
Le news di Etnanatura -- Monte Nero delle Concazze -- Timpa Leucatia -- Hanno visitato il sito: 18.448.321 utenti - Nel 2021: 723.025 - Nel mese di Aprile: 146.505 - Oggi: 6.743 - On line: 24

Foto - Aliva mpttata
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Aliva mpttata

Descrizione:
Siamo a Misterbianco, un comune in provincia di Catania che deve il suo curioso nome a un monastero che ospitava monaci vestiti di bianco, cioè Monasterium Album. In questa terra dominata dalla presenza dell'Etna troviamo un olivo secolare che gli abitanti del luogo chiamano "Aliva 'mpittata" e che è testimone vivente di una eruzione spaventosa, quella dell'11 marzo del 1669. Si legge su Wikipedia che quel giorno si generarono due coni piroclastici, noti con il nome di Monti Rossi, dai qualì fuoriuscì una colata dallo spessore medio di 25 metri che da quasi mille metri di altezza arrivò al mare in 122 giorni, in una lingua di fuoco larga circa 15 km che spazzò via 15 paesi e parte di Catania. Lo storico e vulcanologo italiano Giuseppe Recupero, nella sua opera "Storia naturale e generale dell'Etna" la descrive così: commoversi con grande violenza tutto il perimetro della montagna, saltare in aria dal cratere una prodigiosa colonna di nero fumo, e rovente materia, e profondarsi finalmente la sua cima con orridi rumoreggiamenti nel suo baratro. Cadde in primo luogo quella vetta che guardava verso Bronte, di poi l'altra rimpetto l'oriente ed ultimamente si rovesciò quella posta in faccia al mezzogiorno. Uno dei 15 paesi investiti e distrutti dal magma fu proprio Misterbianco i cui abitanti ebbero il tempo per mettersi in fuga portandosi via le loro cose più care, compresa la campana da 18 "cantara" (quintali), rara e dal suono armonioso, prelevata dalla chiesa Madre. Durante la fuga dalla lava i misterbianchesi giunsero ai piedi dell'olivo, già allora di imponenti dimensioni, e lo sfruttarono per appenderci la pesante campana chiamando così a raccolta, attraverso i suoi rintocchi, il resto dei concittadini che, nel bel mezzo della catastrofe, vagava senza meta nella campagna circostante.
Fonte florblog.it
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)