• Serra delle Concazze

    Serra delle Concazze

  • Monte dei morti

    Monte dei morti

  • Grotta del Lago

    Grotta del Lago

  • Oasi del Simeto

    Oasi del Simeto

  • Mulini Biancavilla

    Mulini Biancavilla

  • Pozzo Gammazita

    Pozzo Gammazita

  • Pozzo di Ruggero

    Pozzo di Ruggero

  • Pozzo Catalmo

    Pozzo Catalmo

  • Grotta sant Agrippina

    Grotta sant Agrippina

  • Ponte Barca

    Ponte Barca

  • Nido di Aquila

    Nido di Aquila

  • Aci Castello mega pillow

    Aci Castello mega pillow

  • Montagna di Ramacca

    Montagna di Ramacca

  • Monti Rossi Nicolosi

    Monti Rossi Nicolosi

  • Carrubba

    Carrubba

  • Stazzo

    Stazzo

  • Monte Venere

    Monte Venere

  • Fontana murata

    Fontana murata

  • Sentiero Badiazza

    Sentiero Badiazza

  • Scalazza

    Scalazza

  • Current
Etna - Domenica 19-09-2021 15:37:06 - Il sole sorge alle 06:44 e tramonta alle 19:02 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.307.440 utenti - Nel 2021: 2.582.144 - Nel mese di Settembre: 222.372 - Oggi: 8.186 - On line: 24

Foto - Argimusco
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Argimusco

Foto di: Etnanatura e Santo Bella

Descrizione:
L'Argimusco è un altopiano che si trova in Sicilia, poco a nord dell'Etna, all'incirca al confine tra i monti Nebrodi e i Peloritani, ed è diviso amministrativamente tra i comuni di Montalbano Elicona, Tripi (che sorge sul sito dell'antica Abacaenum) e Roccella Valdemone. In questa zona sorgono numerosi roccioni di arenaria quarzosa modellati in forma curiosa e suggestiva. La tradizione popolare ha identificato questi megaliti, con l'opera di popolazioni preistoriche: antichi menhir e quasi irriconoscibili dolmen. I geomorfologi e gli archeologi propendono piuttosto per l'origine assolutamente naturale di queste forme, dovute in particolare all'erosione eolica. Tra i megaliti più notevoli, nei pressi della Portella Cerasa si ergono maestosi, solenni e vagamente minacciosi due grandi massi di forma allungata, che richiamerebbero i simboli della virilità e della femminilità, mentre un altro megalite poco distante avrebbe aspetto di aquila e vi sarebbe stato inciso il simbolo del sole. Più a ovest, in località Portella Zilla, una costruzione pastorale ingloberebbe i resti di un dolmen con davanti un gran masso, che sarebbe quanto resta di un menhir rovinato al suolo. Attorno a questi presunti monumenti non sono stati trovati segni dell'uomo preistorico (ceramiche, utensili, ossa umane, ecc.).
Da Wilipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)