• Monte Nero delle Concazze

    Monte Nero delle Concazze

  • Aci Castello

    Aci Castello

  • Tempio romano Capo Mulini

    Tempio romano Capo Mulini

  • Santa Maria la Scala

    Santa Maria la Scala

  • Castello di Noto

    Castello di Noto

  • Cuba Masseria

    Cuba Masseria

  • Montalbano Elicona

    Montalbano Elicona

  • Serracozzo

    Serracozzo

  • Monte Crisimo

    Monte Crisimo

  • Monte Ilice

    Monte Ilice

  • Monte Fior di Cosimo

    Monte Fior di Cosimo

  • Grotta Sieli

    Grotta Sieli

  • Schiena dell Asino

    Schiena dell Asino

  • Monte Castellaccio

    Monte Castellaccio

  • Rifugio monte Spagnolo

    Rifugio monte Spagnolo

  • Vena

    Vena

  • Casa Bada

    Casa Bada

  • Grotta del diavolo

    Grotta del diavolo

  • Torre di Casalotto

    Torre di Casalotto

  • Palazzo Riggio Carcaci

    Palazzo Riggio Carcaci

  • Current
Etna - Giovedì 22-04-2021 19:26:48 - Il sole sorge alle 06:13 e tramonta alle 19:43
Le news di Etnanatura -- Monte Nero delle Concazze -- Timpa Leucatia -- Hanno visitato il sito: 18.448.117 utenti - Nel 2021: 722.821 - Nel mese di Aprile: 146.301 - Oggi: 6.539 - On line: 29

Foto - Calanchi Cannizzola
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Calanchi Cannizzola

Foto di: Salvo Nicotra

Descrizione:
I calanchi sono un fenomeno geomorfologico di erosione del terreno che si produce per l'effetto di dilavamento delle acque su rocce argillose degradate, con scarsa copertura vegetale e quindi poco protette dal ruscellamento. I solchi che si formano all'interno del terreno si accentuano rapidamente, allungandosi e procedendo a ritroso, moltiplicandosi e ramificandosi. Tale processo si estende ad interi versanti, suddivisi da numerose vallecole separate a loro volta da strette creste con micro versanti nudi in rapida evoluzione. Le cause di innesco del processo che porta alla formazione dei calanchi sono molteplici e spesso concomitanti: in primis la presenza di un substrato argilloso con discreta componente sabbiosa; regime climatico caratterizzato da una lunga estate secca e piogge intense concentrate in determinati periodi dell'anno; esposizione meridionale dei versanti; acclività del pendio compresa tra i 40-60° che favorisce il rapido deflusso dell'acqua; esistenza di un livello meno erodibile alla sommità del versante (Ricci; De Sanctis, 2004). Non è possibile risalire con esattezza al periodo di formazione dei calanchi in Italia, ma si ritiene che durante l'Olocene, il disboscamento delle foreste di querce sempreverdi, avvenuto per opera umana, abbia esposto i suoli argillosi, altamente erodibili, ai rigori del clima. Fenomeni di dissesto idrogeologico, come il dilavamento e il ruscellamento delle acque meteoriche, insieme a frane e creep, divennero i fattori determinanti nel modellamento del terreno, la cui risultante fu la genesi dei calanchi (Phillips, 1998). I calanchi del Cannizzola, torrente affluente destro del fiume Simeto, costituiscono un geomorfosito dei monti Erei nella valle del Simeto, in territorio di Centuripe e Paternò, comuni italiani delle province di Enna e di Catania in Sicilia. Il bacino idrografico del torrente Cannizzola è caratterizzato dalla presenza di terreni argillosi e depositi alluvionali. Da un punto di vista geomorfologico, l'area presenta numerosi calanchi dovuti a fenomeni di erosione accelerata. L'area calanchiva si sviluppa lungo i versanti più acclivi a reggipoggio esposti da sud-est a sud-ovest, le cui forme più rappresentative si sviluppano con un'inclinazione compresa tra 30° e 45°. La loro forma è generalmente concava, segnata da rivoli convergenti a ventaglio verso l'impluvio.
Da wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)