• Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Parco dei Nebrodi

    Parco dei Nebrodi

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Bizantini

    Bizantini

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Archeologia

    Archeologia

  • Parchi urbani

    Parchi urbani

  • Rifugi

    Rifugi

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Chiese

    Chiese

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Immacolatelle

    Immacolatelle

  • Cave e opere sottoterra

    Cave e opere sottoterra

  • Romani

    Romani

  • Consigliati

    Consigliati

  • Grotte

    Grotte

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

  • Barocco

    Barocco

Etna - Giovedì 22-04-2021 20:12:45 - Il sole sorge alle 06:13 e tramonta alle 19:43
Le news di Etnanatura -- Monte Nero delle Concazze -- Timpa Leucatia -- Hanno visitato il sito: 18.448.373 utenti - Nel 2021: 723.077 - Nel mese di Aprile: 146.557 - Oggi: 6.795 - On line: 44

Foto - Carcaci
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Carcaci

Foto di: Salvo Nicotra, Michele Torrisi e Francesco Joppolo

Descrizione:
La prima testimonianza della presenza umana nel luogo risale all'XI secolo, quando i normanni, venuti in Sicilia, nel 1061 qui si accamparono per organizzare la presa di Centuripe. A quell'epoca risale la prima costruzione di cui si ha testimonianza: una torre quadrangolare successivamente inglobata in altri edifici. Il primo feudatario di Carcaci fu Giovanni de Raynero nel 1200 circa. Nel 1453 Giovanni Spatafora ebbe l'investitura dal re Alfonso della baronia di Carcaci. Sul finire del XVI secolo vennero realizzati dei lavori idraulici per opera del barone Ruggero Romeo. Successivi feudatari di Carcaci furono Nicola Mancuso nel 1602 e Gonsalvo Romeo Gioieni nel 1630. Questi ottenne nel 1631 la licentia populandi e fondò il borgo. Dopodiché, Carcaci passò alla Casa Paternò Castello che da allora sono i Duchi di Carcaci. Il borgo venne realizzato con pianta regolare e con gusto barocco spagnoleggiante: venne realizzato un monumentale ingresso, una chiesa, dedicata a santa Domenica, ormai in stato di abbandono, un castello.
Da Wikiedia
Foto di Salvo Nicotra e Michele Torrisi
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)