• Speciali

    Speciali

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Parco dei Nebrodi

    Parco dei Nebrodi

  • Romani

    Romani

  • Archeologia

    Archeologia

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Fiumi e laghi

    Fiumi e laghi

  • Grotte

    Grotte

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

  • Bizantini

    Bizantini

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Rifugi

    Rifugi

  • Timpa Acireale

    Timpa Acireale

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

Etna - Giovedì 21-01-2021 19:26:14 - Il sole sorge alle 07:09 e tramonta alle 17:13
Le news di Etnanatura -- Grotta del Drago -- Rocca Capra -- Grotta monte Cicirello -- Grotta degli archi -- Monte Zoccolaro -- Hanno visitato il sito: 17.836.078 utenti - Nel 2021: 110.782 - Nel mese di Gennaio: 110.782 - Oggi: 4.430 - On line: 24

Foto - Caseggiato Mannino
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Caseggiato Mannino

Foto di: Enanatura e Michele Torrisi

Descrizione:
Sulla piazza della Vittoria si affaccia il Caseggiato Mannino, l'edificio più antico del paese. E' una spaziosa costruzione comprendente 14 stanze, un grande salone ed un cortile con una caratteristica cisterna. Sembra che questo caseggiato sia stato di proprietà dei Clarenza. Nessuna testimonianza storica lo può dimostrare con certezza ma, dall'esame di antichi documenti comunali, risulta che nel 1816, gli eredi del Principe Giuseppe Clarenza erano titolari di una rendita annua relativa ad alcuni locali siti nel caseggiato della piazza centrale, un tempo adibiti a carcere comunale, è dunque possibile che si tratti proprio del caseggiato Mannino. Questi locali furono in seguito acquistati dai Mannino, una nobile famiglia catanese di proprietari terrieri. Colui che vi abitò fu il Cavaliere Antonio Mannino, che rimase scapolo e visse sempre da solo. I paesani lo ricordano perché intorno agli anni 50 divenne sindaco, anche se per poco. Egli visse in questo caseggiato per molto tempo, fino al momento in cui le nipoti non ne reclamarono la proprietà, poiché in realtà questa costruzione apparteneva al fratello del Cavaliere, che fine a quel momento gli aveva permesso di soggiornarvi. Il Cavaliere si trasferì nel luogo ove oggi sorge la sede comunale, un tempo di sua proprietà. Durante il suo soggiorno, egli permise che si svolgesse un duello nei maestosi saloni della sua residenza. L'evento, com'è facile immaginare, fu motivo di molte discussioni e curiosità tra gli abitanti del paese. La causa del duello è purtroppo sconosciuta, l'unica cosa nota è che uno dei padrini fu l'avvocato Panzera, ormai deceduto da tempo. Recentemente il Caseggiato è stato restaurato e oggi ospita la biblioteca comunale.
Da Comune San Pietro Clarenza
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)