• Cocolonazzo di mola

    Cocolonazzo di mola

  • Eremo santa Maria della Provvidenza

    Eremo santa Maria della Provvidenza

  • Pantalica

    Pantalica

  • Petra Emilio

    Petra Emilio

  • Ponte Serravalle

    Ponte Serravalle

  • Rocchicella

    Rocchicella

  • Casale

    Casale

  • Castello di Nicosia

    Castello di Nicosia

  • Grotta sant Agrippina

    Grotta sant Agrippina

  • Castello Ursino

    Castello Ursino

  • Sant Agata al Carcere

    Sant Agata al Carcere

  • Rifugio Chiusitta

    Rifugio Chiusitta

  • Grotta Salto del Cane

    Grotta Salto del Cane

  • Acquedotto romano Valcorrente

    Acquedotto romano Valcorrente

  • Gancia Chiancone

    Gancia Chiancone

  • Grotta dei Ragazzi

    Grotta dei Ragazzi

  • Alesa Arconidea

    Alesa Arconidea

  • Castello di Montalbano

    Castello di Montalbano

  • Grotta Marsal

    Grotta Marsal

  • Monte Fundagazzo

    Monte Fundagazzo

  • Current
Etna - Domenica 19-09-2021 16:37:22 - Il sole sorge alle 06:44 e tramonta alle 19:02 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.307.797 utenti - Nel 2021: 2.582.501 - Nel mese di Settembre: 222.729 - Oggi: 8.543 - On line: 25

Foto - Castagno della nave
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castagno della nave

Foto di: Etnanatura e Leonardo Vaccaro

Descrizione:
A volte il destino riserva agli umani un'esistenza anonima perché oscurata dalla presenza ingombrante di qualche familiare molto noto. Lo stesso destino ha avuto il Castagno della nave, imponente e vetusto castagno, la cui fama è offuscata da un vicino "ingombrante" e universalmente noto: il Castagno dei cento cavalli. Se vi trovate a visitare il famoso castagno dei Cento cavalli, noto per le imprese amatorie della regina Giovanna, non dimenticatevi di continuare il vostro percorso di altri 500 metri per visitare il Castagno della Nave, maestoso monumento naturale, alto quasi venti metri e vecchio di 1.800 anni. Il castagno deve il suo nome alla forma della ceppaia, che ricorda lo scafo di una nave. Ma i contadini lo chiamavano anche Arrusbighiasonnu forse perché, quando ritornavano stanchi, di notte e a dorso di mulo, da una dura giornata di lavoro sulle pendici dell'Etna, venivano svegliati dall'urto con le fronde basse del castagno. O forse perché, ospitando l'albero centinaia di uccelli, questi all'alba, col loro canto, svegliavano tutte le persone che abitavano in prossimità di questo gigante.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)