• Sciammaro lupo

    Sciammaro lupo

  • Monastero sant Antonio

    Monastero sant Antonio

  • San Martino Randazzo

    San Martino Randazzo

  • Scalazza

    Scalazza

  • Ficus Macrophylla Catania

    Ficus Macrophylla Catania

  • Favare santa Venera

    Favare santa Venera

  • Passo dei dammusi

    Passo dei dammusi

  • San Nicola Taormina

    San Nicola Taormina

  • Grotta Giuffrida

    Grotta Giuffrida

  • Bosco Petrosino

    Bosco Petrosino

  • Torre del Grifo

    Torre del Grifo

  • Piano Bello Monte Fontane

    Piano Bello Monte Fontane

  • Nunziata

    Nunziata

  • Castello di Brucoli

    Castello di Brucoli

  • Lago Ogliastro

    Lago Ogliastro

  • San Michele Arcangelo

    San Michele Arcangelo

  • Santa Caterina Taormina

    Santa Caterina Taormina

  • Palazzo Zito

    Palazzo Zito

  • Rocchicella

    Rocchicella

  • Grotta Amenano

    Grotta Amenano

  • Current
Etna - Martedì 28-09-2021 17:45:19 - Il sole sorge alle 06:52 e tramonta alle 18:48 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castello di Brucoli -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.411.056 utenti - Nel 2021: 2.685.760 - Nel mese di Settembre: 325.988 - Oggi: 9.177 - On line: 45

Foto - Castello Forza Agro
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello Forza Agro

Foto di: Etnanatura e Michele Torrisi

Descrizione:
Un vecchio castello normanno adibito a postazione militare, una terribile strage, un fratricidio, centinaia di tombe scoperchiate all'interno del maniero costituiscono il quadro d'insieme di una location dove il mistero acquisisce i colori tetri della morte e il fascino del lugubre. Ma andiamo con ordine. Il castello di Forza d'Agrò venne edificato, sulle rovine di una preesistente fortezza, nel secolo XI dai Normanni, si trova a 420 m. s.l.m.. Si accede tramite una lunga e ripida scalinata in pietra. Nel 1595 venne restaurato ad opera dei giurati e dei deputati del paese. All'interno della cinta muraria sono visibili i resti della chiesa del Crocifisso, i magazzini delle granaglie e gli alloggiamenti dei soldati. Nel 1676, durante la Rivolta anti spagnola di Messina, il castello rimase fedele alla Spagna, per questo venne assediato e conquistato dai francesi; questi lo misero sotto la giurisdizione militare di Savoca che poco prima aveva capitolato un vantaggioso armistizio con gli stessi francesi. Proprio durante quel periodo travagliato, si consumò nel castello un feroce massacro, ordito da don Antonio de Hox, nobile francese e capitano del castello, fermamente intenzionato a diventare signore di Forza d'Agrò. Lo stesso don Antonio, dovendo consegnare al fratello Giacomo il comando del castello, lo attirò dentro il maniero con la scusa di una cena di benvenuto, in occasione della quale ci sarebbe stato il passaggio delle consegne. Giacomo, non sospettando nulla, vi si recò con i suoi famigliari; dopo una succulenta cena, don Giacomo De Hox ed i suoi famigliari vennero uccisi e fatti a pezzi dagli sgherri di don Antonio. Era la notte del 24 luglio 1676. Per non attirare sospetti sulla sua persona, Antonio De Hox fece spargere la voce che il fratello aveva deciso di lasciare nottetempo il castello. I cadaveri delle vittime, a quanto sembra, non vennero più ritrovati. Ai primi dell'Ottocento, il castello venne occupato dalle truppe inglesi, le quali vi apportarono alcune modifiche architettoniche. Dal 1876, per circa 100 anni è stato adibito a cimitero comunale.
Notizie storiche dovute a Wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)