• Parco dei Nebrodi

    Parco dei Nebrodi

  • Cave e opere sottoterra

    Cave e opere sottoterra

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Parchi urbani

    Parchi urbani

  • Consigliati

    Consigliati

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Peloritani

    Peloritani

  • Romani

    Romani

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Grotte

    Grotte

  • Immacolatelle

    Immacolatelle

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Greci

    Greci

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

  • Iblei

    Iblei

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

Etna - Martedì 20-04-2021 02:50:27 - Il sole sorge alle 06:15 e tramonta alle 19:41
Le news di Etnanatura -- Timpa Leucatia -- Metapiccola -- Hanno visitato il sito: 18.429.757 utenti - Nel 2021: 704.461 - Nel mese di Aprile: 127.941 - Oggi: 641 - On line: 21

Foto - Castello Mongialino
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello Mongialino

Foto di: Salvo Nicotra

Descrizione:
Il Castello di Mongialino si trova nel comune di Mineo, nei pressi della frazione di Borgo Pietro Lupo. Risale all'alto medioevo ed è dotato di una torre toroidale (fatto unico nell'architettura siciliana dell'epoca) originariamente di quattro piani, collegati da una scala interna. Il castello è citato dal geografo arabo Idrisi, che lo chiama "casale" al-Khalil. Feudatari del castello furono dapprima (1150-1180 circa) i membri della famiglia Paternò con Costantino II Paternò, Conte di Buccheri, di Butera e di Martana, poi i membri della famiglia di origine normanna de Luci (il conte Bartolomeo de Luci e poi sua figlia Margherita nel 1199), poi Manfredi di Mazzarino nel 1200, dominio regio nel 1287, Blasco Lancia nel 1320 e Manfredi III Chiaramonte nel 1355. Il castello viene citato dallo storico Tommaso Fazello nel De Rebus Siculis Decades Duae (1558) e dall'abate Vito Amico nel Lexicon topographicum siculum (1757), riferendo come all'epoca la costruzione fosse per lo più intatta e come nel XVII secolo si fosse tentato di ripopolare la zona. Dai reperti rinvenuti in epoca moderna, risulta che il colle sul quale fu costruito il castello è stato in realtà abitato fin dall'età del bronzo (XII secolo a.C.).
Da Wikipedia.
Foto Salvo Nicotra.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)