• Grotta Vadalato

    Grotta Vadalato

  • Rifugio Santa Barbara

    Rifugio Santa Barbara

  • Castello Motta Sant Anastasia

    Castello Motta Sant Anastasia

  • Torre Mina

    Torre Mina

  • San Basilio

    San Basilio

  • Capomulini

    Capomulini

  • Zappinazzu

    Zappinazzu

  • Rocchicella

    Rocchicella

  • Monte Fior di Cosimo

    Monte Fior di Cosimo

  • Castagno di Serruggeri

    Castagno di Serruggeri

  • Rocche del Crasto

    Rocche del Crasto

  • Palazzelli

    Palazzelli

  • San Nicola Trecastagni

    San Nicola Trecastagni

  • Castello Lauria

    Castello Lauria

  • Monte Corvo

    Monte Corvo

  • Grotta Marsal

    Grotta Marsal

  • Sant Andrea Buccheri

    Sant Andrea Buccheri

  • Grotta dei ladroni

    Grotta dei ladroni

  • Acquedotto romano Catania

    Acquedotto romano Catania

  • Chiesa della Misericordia

    Chiesa della Misericordia

  • Current
Etna - Giovedì 22-04-2021 18:58:10 - Il sole sorge alle 06:13 e tramonta alle 19:43
Le news di Etnanatura -- Monte Nero delle Concazze -- Timpa Leucatia -- Hanno visitato il sito: 18.447.965 utenti - Nel 2021: 722.669 - Nel mese di Aprile: 146.149 - Oggi: 6.387 - On line: 24

Foto - Castello Motta Sant Anastasia
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello Motta Sant Anastasia

Descrizione:
Il Castello di Motta Sant'Anastasia è il più piccolo dei tre dongioni edificati lungo la Valle del Simeto. In pianta misura 8,50 x17 metri, in altezza raggiunge i 20 metri. Il torrione è impostato su una balza rocciosa lavica, Le murature sono realizzate in opus incertum di pietrame lavico mentre i cantonali sono realizzati in conci ben squadrati dello stesso materiale. L'edificio si divide in tre piani per mezzo di solai lignei, dei quali nessuno ha resistito ai guasti del tempo. I solai attualmente visibili sono infatti il risultato di ricostruzioni in stile. Al pianterreno è la porta d'ingresso di non grandi dimensioni. Ai lati sono finestre rettangolari verosimilmente aperte in età moderna. Le scale, necessarie per raggiungere ciascun piano, dovevano essere addossate ai muri e non ricavate nel loro spessore, decisamente contenuto (non oltre 1,60 metri). L'ultimo piano presenta una splendida copertura ogivale, che poggia su un'arcata mediana, a sua volta impostata su mensole. Il terrazzo possiede una merlatura composta da sette merli per i lati lunghi e due per quelli corti. Intorno alla fortezza esistono ancora avanzi di una cinta muraria, all'interno della quale dovevano trovarsi altri edifici, i cui ruderi erano in parte visibili agli inizi del XX secolo. Probabilmente alla torre di Motta era attribuito un valore soprattutto militare-difensivo mentre la funzionalità residenziale sembrerebbe del tutto secondaria, in particolare a confronto con i non lontani donjons di Adrano e di Paterno'. Sabato 15 maggio 2010 è stato inaugurato il Museo Storico (secoli XII – XVI), allestito all'interno del dongione normanno, realizzato con fondi regionali e comunali, consistente in una apparecchiatura multimediale (grande schermo dove scorrono le immagini di un video in più lingue sulla storia di Motta) a piano terra, ed in una Aula Hostilium, ossia Sala delle armi, nella prima elevazione. Scheda Compilata da: Dott. Andrea Orlando Scheda Compilata da: Dott. Andrea Orlando per http://www.icastelli.it/
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)