• Iblei

    Iblei

  • Pianobello

    Pianobello

  • Parchi urbani

    Parchi urbani

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Consigliati

    Consigliati

  • Archeologia

    Archeologia

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Timpa Acireale

    Timpa Acireale

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Malabotta

    Malabotta

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Aree protette

    Aree protette

  • Speciali

    Speciali

  • Simeto

    Simeto

  • Romani

    Romani

  • Alcantara

    Alcantara

  • Barocco

    Barocco

  • Chiese

    Chiese

  • Nebrodi

    Nebrodi

Etna - Lunedì 27-09-2021 16:21:57 - Il sole sorge alle 06:51 e tramonta alle 18:50 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.397.798 utenti - Nel 2021: 2.672.502 - Nel mese di Settembre: 312.730 - Oggi: 8.300 - On line: 45

Foto - Castello Schiso
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello Schiso

Descrizione:
Il castello di Schisò si affaccia sulla baia di Giardini Naxos, è stato costruito a cavallo del XIII e XIV secolo. Edificato nella forma attuale su uno sperone roccioso formato da una colata lavica di età preistorica, il nome Schisò deriva dalla parola araba Al Qusus che significa seno o torace e identifica le due formazioni vulcaniche sulle quali poggiano le fondamenta, formazioni visibili sul prospetto anteriore. In epoca normanna l'aggregato agricolo comprende una chiesetta esistente al tempo del Gran Conte Ruggero dedicata a San Pantaleone, utilizzata dai contadini e pescatori di Schisò prima che sorgessero edifici di culto più recenti. L'agglomerato costituiva l'antica dipendenza del Monastero di Santa Maria di Gala, istituzione ubicata nell'odierna Barcellona Pozzo di Gotto, data in concessione ai monaci Basiliani di rito greco dalla reggente Adelasia del Vasto nel 1104 - 1105. Proprietà, diritti e concessioni riconfermati con Regio Privilegio dal figlio Ruggero II di Sicilia comprensivo dell'esercizio del diritto di pesca nelle acque della riviera di Taormina. Oggi il primitivo luogo di culto è inglobato nel complesso fortificato. Ricostruito nel XVI secolo con una torre di avvistamento idonea a sorvegliare Capo Schisò, la baia compresa fino a Capotaormina a nord e il golfo di Riposto a sud, a difesa delle incursioni dei pirati guidati da corsaro turco Khayr al-Din Barbarossa. Sul lungomare si affaccia la parte nobile e residenziale del complesso, all'interno del castello era installata l'attrezzatura per la raffinazione e distillazione dei prodotti della canna da zucchero, la produzione di questa coltura era un'attività lucrativa sorta intorno al XVI secolo estesa dagli spagnoli, praticata in epoca normanna e introdotta dagli arabi in Sicilia. Rinnovato nel tardo XIX secolo con l'aggiunta di balconi sulla facciata, delle primitive torri cilindriche d'avvistamento ne restano due e delimitano la corte interna della costruzione.
da Wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)