• Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Alcantara

    Alcantara

  • Greci

    Greci

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Pianobello

    Pianobello

  • Peloritani

    Peloritani

  • Grotte

    Grotte

  • Barocco

    Barocco

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Speciali

    Speciali

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Nebrodi

    Nebrodi

  • Simeto

    Simeto

  • Bizantini

    Bizantini

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Archeologia

    Archeologia

  • Timpa Acireale

    Timpa Acireale

  • Cave e opere sottoterra

    Cave e opere sottoterra

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

Etna - Giovedì 16-09-2021 21:37:26 - Il sole sorge alle 06:41 e tramonta alle 19:07 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.280.569 utenti - Nel 2021: 2.555.273 - Nel mese di Settembre: 195.501 - Oggi: 11.695 - On line: 57

Foto - Castello di Agira
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello di Agira

Foto di: Etnanatura, Giuseppe Basile e Francesco Joppolo

Descrizione:
Nel periodo sicano forse esisteva già il Palazzo sulla cima del monte Teja (poi divenuto Castello), nel quale abitavano i Capi dei primi Agiri e nel quale abitarono successivamente i principi-tiranni siculi. Oltre al Castello si narra esistesse una fortificazione muraria munita di porta ciclopica. Durante il periodo greco, romano e bizantino, il Castello rivestì soltanto un ruolo di rappresentanza ad uso delle varie autorità della città. Con gli arabi, invece, riacquistò il ruolo originario, tornando nuovamente fortezza e costruzione di interesse primario. La fortificazione della città era formata da tre cinte murarie: la prima girava ad anello attorno al monte subito sotto il castello; la seconda circoscriveva una quota più bassa del monte; la terza, molto irregolare perché seguiva l'andamento delle rocce, si sviluppava all'altezza delle Rocche di S. Pietro. Castello di AgiraLa porta, detta Eraclea, doveva trovarsi in prossimità di via Adamo. Nel 1354 il Castello ospitò Ludovico d'Aragona. Nei secoli XVI e XVII, perduta la propria funzione militare, cominciò a decadere sino a diventare una rovina già nel secolo XVIII. Durante il terremoto del 1693 il mastio del castello crollò e la torre centrale ottagonale fu gravemente danneggiata. Nel 1778 Vivant-Denon annotava che sulle fondamenta delle antiche mura erano state costruite le nuove case. Il Castello è, oggi, un rudere (frammenti di mura perimetrali, della torre ottagonale sveva, di una torre a due piani pericolante; una torre a piano terra, una stanza sotto il livello attuale del terreno, brevi tratti di gallerie sotterranee, due pareti) e delle antiche mura rimane solo la torre di nord-est, detta di S. Nicola.
Da Comune di Agira
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)