• Contrada Cassone

    Contrada Cassone

  • Piano Bello Monte Fontane

    Piano Bello Monte Fontane

  • Grotta sant Agrippina

    Grotta sant Agrippina

  • Ilice Carrinu

    Ilice Carrinu

  • Stazzo

    Stazzo

  • Feudo san Leonardo

    Feudo san Leonardo

  • Torrente Vacco

    Torrente Vacco

  • Malabotta Faggita

    Malabotta Faggita

  • Sant Andrea Buccheri

    Sant Andrea Buccheri

  • San Pancrazio

    San Pancrazio

  • Zappinazzu

    Zappinazzu

  • Mulino Chiarenza

    Mulino Chiarenza

  • Grotte del Ginnasio

    Grotte del Ginnasio

  • Monte Vetore

    Monte Vetore

  • Contrada Edera

    Contrada Edera

  • Torrente Quarantore

    Torrente Quarantore

  • Castello Pietratagliata

    Castello Pietratagliata

  • Grotta Lanzafame

    Grotta Lanzafame

  • Monte Fior di Cosimo

    Monte Fior di Cosimo

  • Antiquarium Santa Venera

    Antiquarium Santa Venera

  • Current
Etna - Martedì 28-09-2021 19:03:21 - Il sole sorge alle 06:52 e tramonta alle 18:48 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castello di Brucoli -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.411.818 utenti - Nel 2021: 2.686.522 - Nel mese di Settembre: 326.750 - Oggi: 9.939 - On line: 55

Foto - Castello di Brucoli
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello di Brucoli

Foto di: Etnanatura e Salvo Patti

Descrizione:
Il castello di Brucoli fu voluto da re Giovanni II di Aragona e donato alla regina Giovanna d'Aragona. Quest'ultima, nel 1468, concesse la costruzione a Giovanni Cabastida, un ciambellano proveniente da Barcellona, che lo ebbe in concessione per tre generazioni. Il motivo per cui venne costruito una simile opera fortificata, era principalmente quello di premunirsi contro una crescita esponenziale dei turchi. Nel secolo successivo all'edificazione del castello, alle incursioni dei Turchi si vennero ad aggiungere quelle barbaresche provenienti dalle coste settentrionali dell'Africa, cui tra l'altro è legata la leggenda del Santo Patrono. La fortezza sorse all'imboccatura del porto-canale non solo per scopi difensivi, ma anche per controllare i commerci marittimi e custodirne le riserve di grano che vi confluivano. Quindi per la protezione di quei traffici e del piccolo villaggio che sorgeva ai suoi piedi, il castello assumeva un ruolo di fondamentale protezione.
Wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)