• Letojanni

    Letojanni

  • Acireale

    Acireale

  • Galati Mamertino

    Galati Mamertino

  • Mascalucia

    Mascalucia

  • Nicosia

    Nicosia

  • Roccavaldina

    Roccavaldina

  • Calascibetta

    Calascibetta

  • Tripi

    Tripi

  • Montagnareale

    Montagnareale

  • Caronia

    Caronia

  • Priolo Gargallo

    Priolo Gargallo

  • Cesaro

    Cesaro

  • Noto

    Noto

  • Frazzano

    Frazzano

  • Aci Catena

    Aci Catena

  • Santa Domenica Vittoria

    Santa Domenica Vittoria

  • Adrano

    Adrano

  • Enna

    Enna

  • Roccalumera

    Roccalumera

  • Aci SantAntonio

    Aci SantAntonio

Etna - Martedì 28-09-2021 17:53:29 - Il sole sorge alle 06:52 e tramonta alle 18:48 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castello di Brucoli -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.411.148 utenti - Nel 2021: 2.685.852 - Nel mese di Settembre: 326.080 - Oggi: 9.269 - On line: 52

Foto - Crateri eruzione 1991
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Crateri eruzione 1991

Foto di: Etnanatura e Danilo Micheli

Descrizione:
L'ultima grande eruzione etnea del XX secolo ha inizio nella mattinata del 14 dicembre 1991, quando si aprono alcune fessure eruttive sia sul versante settentrionale del cono del Cratere di Sud-Est (per intenderci, quello che ora viene spesso chiamato "vecchio" per distinguerlo dal nuovo cono, che si è formato durante l'attività parossistica del 2011-2012), sia sul fianco SSE del cono. Una breve ma intensa crisi sismica ha preceduto questa nuova eruzione, che dà luogo ad una vivace attività stromboliana che si esaurirà dopo poche ore, mentre la frattura a SSE continua a propagarsi verso il basso, da una quota di circa 3000 m fino a 2700 m. La parte più alta di questa nuova frattura produce fontane di lava e due piccole colate di lava che avanzano qualche centinaio di metri verso l'orlo occidentale della Valle del Bove; dopo circa 4 ore anche questa attività finisce. Tuttavia, dalla terminazione SSE della fessura eruttiva, il suolo continua a fratturarsi verso valle, e si registra un'intensa attività sismica - segni che annunciano che l'eruzione non è finita, ma deve ancora cominciare davvero. Una nuova fase eruttiva comincia nella notte fra il 14 e il 15 dicembre 1991, con l'apertura di una fessura eruttiva nella parete occidentale della Valle del Bove, a circa 2200 m di quota (ndr Sono questi i crateri che vi invitiamo a visitare). Da una serie di bocche si osserva un'intensa attività stromboliana e l'emissione di voluminose colate di lava, la più importante dalla parte bassa della frattura. La lava comincia a scendere rapidamente verso il fondo della Valle del Bove, nella sua parte meridionale, poi avanza verso est, in direzione del ripido pendio del Salto della Giumenta (quota 1300-1400 m circa), dove la Valle del Bove passa nell'adiacente Val Calanna. Il giorno 24 dicembre, la lava raggiunge il Salto della Giumenta e formando spettacolari cascate, si riversa verso la Val Calanna, la quale viene gradualmente colmata nei giorni successivi, e alla fine di dicembre i fronti lavici più avanzati hanno raggiunto una distanza di 6.5 km dalle bocche eruttive. Durante le prime settimane dell'eruzione, le bocche eruttive poste nella parte alta della fessura attiva mostrano un'intensa attività stromboliana, però a partire da metà gennaio 1992 l'attività esplosiva comincia a diminuire e a marzo continua soltanto l'emissione di lava accompagnato da degassamento. Da Ingv sezione di Catania
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)