• Grotta monte Cicirello

    Grotta monte Cicirello

  • Eremo santa Maria della Provvidenza

    Eremo santa Maria della Provvidenza

  • Monte Zappinazzo

    Monte Zappinazzo

  • Immacolatelle Micio Conti

    Immacolatelle Micio Conti

  • Bosco Petrosino

    Bosco Petrosino

  • Tempio romano Capo Mulini

    Tempio romano Capo Mulini

  • Cascate Mistretta

    Cascate Mistretta

  • Monte Fundagazzo

    Monte Fundagazzo

  • Badiazza

    Badiazza

  • Grotte Castellucciane Ossena

    Grotte Castellucciane Ossena

  • Piano Margi

    Piano Margi

  • Convento Cappuccini Francavilla

    Convento Cappuccini Francavilla

  • Cascate del Catafurco

    Cascate del Catafurco

  • Quercia di Panzazza

    Quercia di Panzazza

  • Nuova Gussonea

    Nuova Gussonea

  • Grotte Primosole

    Grotte Primosole

  • Villa Pisani

    Villa Pisani

  • Grotta di Serracozzo

    Grotta di Serracozzo

  • Grottitte di Mojo

    Grottitte di Mojo

  • Monte Scalpello

    Monte Scalpello

  • Current
Etna - Lunedì 20-09-2021 07:19:35 - Il sole sorge alle 06:45 e tramonta alle 19:01 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.313.745 utenti - Nel 2021: 2.588.449 - Nel mese di Settembre: 228.677 - Oggi: 3.308 - On line: 18

Foto - Fontana Paradiso
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Fontana Paradiso

Foto di: Giuseppe Guercio

Descrizione:
A est di Pedagaggi, a circa due chilometri dall'abitato, si trova contrada Fontana Paradiso, il cui toponimo rimanda all'esistenza di una ricca sorgente, la sorgente Paradiso appunto, che in passato favorì certamente lo stanziamento dell'uomo, attratto probabilmente, oltre che dall'acqua, anche dalla presenza di una fitta boscaglia e di un'abbondante selvaggina. La presenza dell'uomo in quell'area è testimoniata dalle numerose grotticelle artificiali preistoriche realizzate lungo i fianchi della profonda cava scavata nel corso dei secoli dal torrente Gelso, alimentato dalla sorgente Paradiso. Due le grotte archeologicamente più rilevanti visitate a metà degli anni '60 dal prof. Luigi Bernabò Brea. Nella prima, un riparo sotto roccia, furono rinvenuti e raccolti diversi utensili di pietra riconducibili al Paleolitico superiore. Gli oggetti litici scoperti appartengono, nello specifico, alla fase iniziale del cosiddetto Epigravettiano finale, tra 14 e 12 milioni di anni fa. Nella seconda grotta, conosciuta come "Grotta del fico", l'indagine dell'illustre archeologo ligure consentì di accertare la presenza di ossa umane e di numerosi frammenti di ceramica appartenenti allo stile di Diana del Neolitico superiore, agli stili del Conzo e di Malpasso dell'Eneolitico, e allo stile di Castelluccio dell'Età del Bronzo antico. Proloco Pedagaggi. Foto di Giuseppe Guercio.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)