• Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

  • Preistoria

    Preistoria

  • Archeologia

    Archeologia

  • Bizantini

    Bizantini

  • Consigliati

    Consigliati

  • Speciali

    Speciali

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

  • Rifugi

    Rifugi

  • Nebrodi

    Nebrodi

  • Aree protette

    Aree protette

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Chiese

    Chiese

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Barocco

    Barocco

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

Etna - Venerdì 24-09-2021 11:01:55 - Il sole sorge alle 06:48 e tramonta alle 18:54 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.354.829 utenti - Nel 2021: 2.629.533 - Nel mese di Settembre: 269.761 - Oggi: 4.243 - On line: 47

Foto - Grotta Intraleo
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Grotta Intraleo

Foto di: Etnanatura e Cristoforo Berritta

Descrizione:
La grotta consta di un insieme di gallerie di scorrimento di varie dimensioni situate a livelli diversi e variamente orientate. La galleria di nordest è lunga circa 40 m; la sua imboccatura è stata murata ricavando nel muro una porta e una finestra. Sulla parete nordovest dello sprofondamento vi è una nicchia a pianta semi circolare profonda 5 m. Nella parete sud si aprono tre cavità sovrapposte. La superiore è lunga 13 m. Quella inferiore è lunga circa 30 m; vi si accede scendendo un pendio di grossi massi, e ci si trova in un ambiente alto diversi metri dove si possono osservare due grossi rotoli di lava, fra i maggiori a noi noti, e numerose grosse lamine sporgenti dalle pareti. Maggiore sviluppo presenta la cavità intermedia che inizia con una galleria lunga circa 30 m, alta oltre 2 m, dal pavimento pianeggiante sul quale giacciono due rotoli di sezione minore rispetto a quelli del piano inferiore, ma notevolmente più lunghi. Più avanti questa gallria si divide in tre rami situati a quote diverse. Il ramo orientale, a quota più bassa, è molto breve e con accentuata pendenza, il ramo centrale è lungo 50 m e il suo soffitto è basso, per cui occorre in qualche punto chinarsi, esso presenta tuttavia cupole ove si può sostare in piedi; il pavimento è qui pianeggiante e costituito da scorie in parte saldate ed in parte mobili. Il ramo di levante, cui si accede risalendo un gradino di mezzo metro, ha la stessa configurazione del precedente, a metà di esso un masso cuneiforme staccatosi dal soffitto ingombra il passaggio. Alla estremità delle gallerie soffitto e pavimento finiscono per congiungersi. In questa grotta sono stati segnalati numerosi pipistrelli (Miceli 1954 - 55) che alla luce delle ultime osservazioni sono notevolmente diminuiti. Fin dai tempi più remoti questa grotta ha dato asilo alle greggi ed ai pastori che hanno ricavato nel tratto a monte, mediante il muro a secco sopra menzionato, un vano abitabile asciutto ed esposto a sud. Lo stillicidio presente tutto l'anno nelle gallerie a sud forniva l'acqua potabile (Sartorius 1880).
Da Mugibeddu.it,
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)