• Acireale

    Acireale

  • Misterbianco

    Misterbianco

  • Montagnareale

    Montagnareale

  • Catenanuova

    Catenanuova

  • Tusa

    Tusa

  • Tripi

    Tripi

  • Bronte

    Bronte

  • Nicolosi

    Nicolosi

  • Graniti

    Graniti

  • Roccavaldina

    Roccavaldina

  • Castelmola

    Castelmola

  • Aidone

    Aidone

  • Leonforte

    Leonforte

  • Melilli

    Melilli

  • Ucria

    Ucria

  • Biancavilla

    Biancavilla

  • Fiumefreddo di Sicilia

    Fiumefreddo di Sicilia

  • Buccheri

    Buccheri

  • Ferla

    Ferla

  • Agira

    Agira

Etna - Martedì 28-09-2021 00:03:16 - Il sole sorge alle 06:52 e tramonta alle 18:48 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.401.903 utenti - Nel 2021: 2.676.607 - Nel mese di Settembre: 316.835 - Oggi: 24 - On line: 42

Foto - Grotta dei Ragazzi
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Grotta dei Ragazzi

Foto di: Mimmo Guzzetta(Nonna Syria)

Descrizione:
Si parte dalla casermetta di Piano dei Grilli e superato il cancello, il cammino procede leggermente in salita, attraversando il cosiddetto Piano delle Ginestre in direzione di Monte Ruvolo (il cui termine deriva da rovere che in lingua siciliana si chiama “ruulu”). Se ne costeggia la base e si arriva nei pressi delle lave del 1763 diretti al passaggio tra monte Arso e monte Lepre attraverso un percorso arricchito da alberi di faggio, pino e roverella. La pista continua attraverso le lave del 1843 e prima di arrivare nei pressi di m. Egitto (in lingua siciliana si chiama “Munticittu”, ovvero piccolo monte), all'incrocio con la pista forestale che proviene da monte De Fiori, qui incontriamo la prima meraviglia, due tra le più vecchie e grosse querce oltre millenari , sono monumenti naturali, che l'uomo deve conservare insieme alle altre 54 sparse a m. Egitto. Essi, sono testimoni solenni di tutti gli eventi ai quali sono sopravvissuti nel corso del tempo, al passaggio di tanti uomini, culture e civiltà che hanno contraddistinto in passato queste terre. Questi alberi sono un patrimonio dell’Etna, perché sono riusciti a sopravvivere a siccità e alluvioni, incendi, malattie, ed eventi naturali. Insomma, sono veri "Patriarchi" ma che hanno bisogno di continua protezione. Prima di giungere alla base del monte si può ammirare sulla destra del sentiero uno dei tanti monumenti sparsi sull’Etna che hanno bisogno di essere tutelati e custoditi come dei gioielli, una vecchia mannira con un bellissimo "Pagghiaru in pietra", antica abitazione rurale pastorale. Giunti al bosco incantato di Monte Egitto, un luogo davvero fatato, attraversando un campo lavico si entra nel grembo di mamma Etna, visitando alcune grotte tra le più belle del territorio anch‘esse suscitano molte fantasie popolari, luoghi privilegiati di incontri misteriosi ed apparizioni in cui paure ancestrali, incertezze, immaginazione, sanno di magia e stupore. Il diversamente speleo Mimmo Guzzetta (Nonna Sirya).
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)