• Pagliara

    Pagliara

  • Messina

    Messina

  • Riposto

    Riposto

  • San Teodoro

    San Teodoro

  • Priolo Gargallo

    Priolo Gargallo

  • Aci SantAntonio

    Aci SantAntonio

  • Itala

    Itala

  • Gallodoro

    Gallodoro

  • Roccalumera

    Roccalumera

  • Trecastagni

    Trecastagni

  • Castell'Umberto

    Castell'Umberto

  • Catania

    Catania

  • Melilli

    Melilli

  • Palazzolo Acreide

    Palazzolo Acreide

  • Ragalna

    Ragalna

  • Santa Croce Camerina

    Santa Croce Camerina

  • Castelmola

    Castelmola

  • Rosolini

    Rosolini

  • Nizza di Sicilia

    Nizza di Sicilia

  • Ucria

    Ucria

Etna - Sabato 17-04-2021 10:31:34 - Il sole sorge alle 06:19 e tramonta alle 19:39
Le news di Etnanatura -- Metapiccola -- Hanno visitato il sito: 18.412.183 utenti - Nel 2021: 686.887 - Nel mese di Aprile: 110.367 - Oggi: 3.061 - On line: 20

Foto - Immacolatelle Micio Conti
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Immacolatelle Micio Conti

Descrizione:
(da Wikipedia) La Riserva naturale integrale Complesso Immacolatelle e Micio Conti è una area naturale protetta della Sicilia che sorge sulle falde dell'Etna e che ricade nel territorio dei comuni di San Gregorio di Catania e Aci Castello. Ô stata istituita nel 1998, soprattutto per conservare e tutelare l'importante complesso di grotte laviche, abitate da popolamenti faunistici trogofili legati al guano delle numerose colonie di pipistrelli che popolano le grotte.
Territorio. Il sito è caratterizzato dalla presenza di numerose grotte di scorrimento lavico di varia ampiezza, tra le più lunghe e numerose del territorio etneo: le grotte Immacolatella I, II, III e IV, la grotta Micio Conti, la grotta Cantarella e la grotta dei Tedeschi. Alcune delle grotte hanno anche interesse archeologico in quanto in esse sono stati rinvenuti reperti risalenti alla Età del bronzo.
Fauna. Le grotte ospitano colonie di pipistrelli quali il ferro di cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum) e il miniottero (Miniopterus schreibersi) oltreché numerose specie di organismi trogofili rappresentati da molluschi, aracnidi e crostacei che si nutrono del guano dei pipistrelli. La fauna all'esterno delle grotte è anch'essa molto ricca. Tra i mammiferi sono segnalati il quercino (Eliomys quercinus) e il toporagno (Suncus etruscus), oltre al più comune coniglio selvatico, alla donnola e alla volpe. Tra gli uccelli si segnalano la poiana (Buteo buteo), la civetta (Athene noctua), l'upupa (Upupa epops) e la rara coturnice siciliana (Alectoris graeca whitakeri), sottospecie endemica della Sicilia. Infine tra i rettili la cui presenza è documentata meritano una menzione il colubro leopardino (Elaphe situla) e l'endemico discoglosso dipinto (Discoglossus pictus).
Flora. L'area protetta racchiude lembi di bosco a quercia alternati a macchia mediterranea e ad aree coltivate. Si tratta di una delle ultime aree dell'Etna ricoperte da boschi a bassa quota, altrove scomparsi a causa della pressante urbanizzazione delle falde del vulcano. Le aree agricole sono rappresentate soprattutto da oliveti e vigneti.
Punti di interesse. Le Guardiola Cantarella è un'antica garitta spagnola dalla quale si può vedere tutta la riserva..

Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)