• Bizantini

    Bizantini

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Nebrodi

    Nebrodi

  • Chiese

    Chiese

  • Speciali

    Speciali

  • Barocco

    Barocco

  • Simeto

    Simeto

  • Preistoria

    Preistoria

  • Peloritani

    Peloritani

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Alcantara

    Alcantara

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Aree protette

    Aree protette

  • Musei

    Musei

  • Greci

    Greci

  • Timpa Acireale

    Timpa Acireale

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

Etna - Giovedì 16-09-2021 20:52:46 - Il sole sorge alle 06:41 e tramonta alle 19:07 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.280.200 utenti - Nel 2021: 2.554.904 - Nel mese di Settembre: 195.132 - Oggi: 11.326 - On line: 38

Foto - Ipogeo quadrato
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Ipogeo quadrato

Descrizione:
Il termine Ipogeo, di solito adoperato per identificare una cavità artificiale o naturale, viene anche utilizzato per identificare un edificio funebre. l'Ipogeo romano di Catania detto "quadrato" per la sua forma e per distinguerlo dal vicino Mausoleo Modica, a pianta circolare, è lungo circa 15 metri e largo 12. E' una tomba di età romana imperiale (I-II sec. d.C.), tra le poche sopravvissute delle vaste necropoli di Catina che occupavano l'area a nord dell'attuale centro storico di Catania. Presenta un ingresso ad ovest cui corrisponde un angusto corridoio che conduce ad un loculo di fronte, a seguito di una scalinata che lo ingombrava per metà; ai due lati corrispondevano due piccole nicchie atte forse a contenere altrettante urne funerarie e aperte all'esterno da strette feritoie, di cui rimane la sola a nord, a seguito della demolizione della parete sud per ricavare la bocca di una fornace per la calce ad uso dell'allora vicino monastero dei Padri Riformati cui apparteneva. Si presenta costruito ad opus incertum e coperto da una volta in mattoni di terracotta. Il Principe di Biscari, sulla base della robustezza della fabbrica e notando i resti di una copertura a volta a botte ne supponeva un secondo piano, verosimilmente a piramide (spinto probabilmente anche dalla considerazione della forma in pianta quasi perfettamente quadrata), così come più tardi confermava il Serradifalco.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)