• Bizantini

    Bizantini

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Barocco

    Barocco

  • Nebrodi

    Nebrodi

  • Speciali

    Speciali

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Consigliati

    Consigliati

  • Peloritani

    Peloritani

  • Pianobello

    Pianobello

  • Simeto

    Simeto

  • Parchi urbani

    Parchi urbani

  • Aree protette

    Aree protette

  • Malabotta

    Malabotta

  • Iblei

    Iblei

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

Etna - Lunedì 20-09-2021 07:46:56 - Il sole sorge alle 06:45 e tramonta alle 19:01 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.313.872 utenti - Nel 2021: 2.588.576 - Nel mese di Settembre: 228.804 - Oggi: 3.435 - On line: 21

Foto - Loreto
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Loreto

Foto di: https://www.etnanatura.it/foto/all/Loreto//07-02-2015%2011-06-44.JPG

Descrizione:
La Chiesiola della B.ma Vergine S.Maria di Loreto fuori la citta', situata un miglio distante, nel principio del Bosco in mezzo di alcune chiuse nominata di “Callozzo”, fu fondata dal proprietario di dette chiuse Giovanni Maccarrone, alias Callozzo, il quale per codicillo agli atti di Notar Stefano Mangano 2 settembre 1575, dispose che le dette chiuse e la Chiesa, seguita la morte del Rev. Sac. D. Abramo Grasso (la sepoltura è visibile nella Cattedrale) fossero amministrate dall'Opera della Luminaria del SS. Sacramento della Matrice chiesa di Jaci. Morto il Sac. Grasso il 04 marzo 1626, le dette chiuse la piccola Chiesa passarono all'amministrazione dei Rettori della Luminaria, i quali migliorarono la cultura delle terre e aumentarono il culto della Chiesa, ottenendo da Mons. Innocenzo massimo Vescovo di Catania di celebrare la festa della B.ma Vergine, la Chiesa in seguito acquistò singolare celebrità e i Rettori formarono un libro in cui tenevano registrati le grazie concesse ai devoti della B.ma Vergine – La devozione giunse al punto che le offerte dei fedeli annualmente sommavano a onze 84. Con tali introiti si fabbricò nella Chiesa la impennata ossia portico e sacrestia. Di una porzione delle chiuse si formò un largo baglio intorno alla Chiesa, si costruì una grande cisterna e si comprò una nuova campana.
Fonte canonico Raciti Romeo "per la storia di Acireale" – Ms del Leonardi vol II foglio 15.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)