Le news di Etnanatura -- Torre Rossa -- Serracozzo -- Sciara del Follone -- Eremo monte Turcisi -- Eremo santa Febronia -- Hanno visitato il sito: 16.689.260 utenti - Nel 2020: 2.090.305 - Nel mese di Luglio: 53.517 - Oggi: 1.635 - On line: 13

Foto - Maria della Catena Militello
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Maria della Catena Militello

Descrizione:
La chiesa della Madonna della Catena è un luogo di culto cattolico di Militello in Val di Catania. Venne edificata nel 1541 per ospitare forse una confraternita di donne, in prossimità del palazzo estivo dei Barresi, signori della città, nel cui prospetto era presente un'antica edicola raffigurante la Madonna della Catena. Nel 1616 vi si insediò la confraternita del SS. Crocifisso al Calvario che nel 1652 si prese cura della sua riedificazione. All'esterno presenta un affaccio ricco di intagli che si distinguono per il caratteristico motivo a graticcio tipico dei lapicidi militellesi. All'interno presenta invece una straordinaria decorazione a stucco, opera del 1690 dell'artista acese Antonino Di Blanco, raffigurante i Misteri gaudiosi del Santo Rosario nel registro superiore e dodici Sante vergini, incorniciate da putti, festoni e cornucopie, in quello inferiore. Questo oratorio costituisce dunque un singolare "pantheon" al femminile dove sono raffigurate alcune tra le sante più venerate della cattolicità: Agata, Agrippina, Anastasia, Apollonia, Barbara, Caterina, Dorotea, Lucia, Maddalena, Margherita, Marta, Orsola, ciascuna riconoscibile dai rispettivi attributi iconografici. A completare l'insieme un soffitto ligneo intarsiato a cassettoni del 1674 e una bella cantoria lignea intagliata e dorata dove era collocato l'organo (ora trasferito nella navata). Nell'altare maggiore, in parte rifatto nel XIX secolo, è collocata la statua della Madonna della Catena; in passato vi era collocata una grande tela (oggi sostituita da una copia) raffigurante la Madonna della Catena tra sante vergini del XVIII sec., oggi al Museo San Nicolò per ragioni di sicurezza.
Da Da Wikipedia