• Paterno

    Paterno

  • Acireale

    Acireale

  • San Gregorio

    San Gregorio

  • Santa Croce Camerina

    Santa Croce Camerina

  • Ispica

    Ispica

  • Galati Mamertino

    Galati Mamertino

  • Pietraperzia

    Pietraperzia

  • Aci Castello

    Aci Castello

  • Rosolini

    Rosolini

  • San Fratello

    San Fratello

  • Pedara

    Pedara

  • Linguaglossa

    Linguaglossa

  • Misterbianco

    Misterbianco

  • Castelmola

    Castelmola

  • Castiglione di Sicilia

    Castiglione di Sicilia

  • Ferla

    Ferla

  • Scaletta Zanclea

    Scaletta Zanclea

  • Modica

    Modica

  • Santa Venerina

    Santa Venerina

  • Pachino

    Pachino

Etna - Venerdì 24-09-2021 12:08:49 - Il sole sorge alle 06:48 e tramonta alle 18:54 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.355.365 utenti - Nel 2021: 2.630.069 - Nel mese di Settembre: 270.297 - Oggi: 4.779 - On line: 45

Foto - Montagnola
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Montagnola

Foto di: Ivan Testa

Descrizione:
La Montagnola è uno dei più imponenti coni avventizi dell'Etna: si innalza a sud del Cratere Centrale, sull'alto versante meridionale dove si è impiantato a quota 2.500 m in seguito all'eruzione del 1763. Testimonia il canonico Giuseppe Recupero (1722-1778) nella "Storia Naturale e Generale del! 'Etna" che "a 18 Giugno 1763 s'intese nel bosco di Paternò un terremoto. Il giorno appresso ... sulle ore 19 si udì uno scoppio ben gagliardo sul!' Etna, e videsi all'istante sollevarsi in aria un grosso globo di nero fumo. IL luogo d'onde sortì, si chiamava la Rocca della Pomice sull'estrema punta dell'ultimo piano dell'Etna rimpetto a mezzogiorno ... Da quell'ora in poi successivamente ad innalzarsi dal citato luogo un densissimo ed altro fumo, Questo fumo era gravido di una polvere impalpabile, sottilissima, biancastra, detta cenere, e si attaccava con somma tenacità sopra tutti i corpi che toccava anche sulle verdi foglie, senza che l'acqua potesse diluirla ... Il dì 20 sulle ore 17 cominciò a declinare il fumo, ed alle ore venti udironsi i primi scoppi « e tuoni. Fattosi poi notte comparve il fuoco, ma non era fluido, né scorreva come lava erano bensì materiali roventi, che uscivano da quattro buchi ben distinti fra loro".
Foto di Ivan Testa
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)