• Convento Frati Minori Malvagna

    Convento Frati Minori Malvagna

  • Collina san Liu

    Collina san Liu

  • Borgo Niria

    Borgo Niria

  • Serra Buffa Monte Crisimo

    Serra Buffa Monte Crisimo

  • Lago Maulazzo

    Lago Maulazzo

  • Grotta del Turco

    Grotta del Turco

  • Osservatorio vulcanologico

    Osservatorio vulcanologico

  • Petraro

    Petraro

  • Grotta san Nicola

    Grotta san Nicola

  • Bagno Arabo Mezzagnone

    Bagno Arabo Mezzagnone

  • Rifugio Pitarrone

    Rifugio Pitarrone

  • Parco Colonna

    Parco Colonna

  • Monte Zappinazzo

    Monte Zappinazzo

  • Capomulini

    Capomulini

  • Acquedotto romano Scalilli

    Acquedotto romano Scalilli

  • Castello Ursino

    Castello Ursino

  • SS Salvatore Agira

    SS Salvatore Agira

  • Contrada Edera

    Contrada Edera

  • Tempio di Ercole San Marco

    Tempio di Ercole San Marco

  • Grotta della Signora

    Grotta della Signora

  • Current
Etna - Venerdì 17-09-2021 08:07:11 - Il sole sorge alle 06:42 e tramonta alle 19:05 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.285.414 utenti - Nel 2021: 2.560.118 - Nel mese di Settembre: 200.346 - Oggi: 3.551 - On line: 38

Foto - Monte Scalpello
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Monte Scalpello

Foto di: Eva Weinlich

Descrizione:
Monte Scalpello costituisce l'ultima propaggine nord-orientale della Catena degli Erei e si trova al confine tra le provincie di Enna e di Catania. Il monte è costituito da una placca calcarea di origine mesozoica. Sulle due pendice fiorisce una ricca vegetazione spontanea, la cosiddetta macchia mediterranea. Sulla cima del monte sorge il Santuario, eretto durante l'impero bizantino, nel quale sono custodite le spoglie dei tre frati: Filippo, Matteo e Mariano vissuti lì in solitudine tra il XVI e il XVII secolo. Per la loro presenza il luogo viene considerato sacro sin da tempi remoti. Originariamente, il Santuario era dedicato a San Costantino, un santo greco, officiato dai padri basiliani di Agira. Probabilmente, in seguito al loro abbandono, il conte Ruggero donò il Santuario ai benedettini di Santa Maria Latina di Gerusalemme. Il Conte restaurò e arricchì la chiesa di rendite e nel corso degli anni l' esempio del Conte fu seguito da anonimi donatori che diedero ai benedettini anche le terre di Scalpello. I tre frati su menzionati, vissero presso il monte una vita di solitudine e penitenza oggetto di varie voci, anche se per la chiesa restano dei semplici frati, essi sono molto venerati dalla popolazione. Per questo motivo nel 1865, il sacerdote di Gesù vietò la celebrazione della messa nella chiesa, oggi dedicata alla Madonna del Rosario, perché lo considerava un luogo sacro.
Da Comune di Catenanuova
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)