• Grotta del faggio

    Grotta del faggio

  • Parco Cosentini

    Parco Cosentini

  • Grotta Corruccio

    Grotta Corruccio

  • Santa Caterina

    Santa Caterina

  • Parco Colonna

    Parco Colonna

  • Fortezza del Tocco

    Fortezza del Tocco

  • Montagna di Ramacca

    Montagna di Ramacca

  • Grotta Salto del Cane

    Grotta Salto del Cane

  • Grotta Micio Conti

    Grotta Micio Conti

  • Grotta delle Colombe

    Grotta delle Colombe

  • Castello di Paterno

    Castello di Paterno

  • Rifugio santa Maria

    Rifugio santa Maria

  • Castello di Montalbano

    Castello di Montalbano

  • Castello Ursino

    Castello Ursino

  • Immacolatelle Micio Conti

    Immacolatelle Micio Conti

  • Grotticelle di Orgale

    Grotticelle di Orgale

  • Capomulini

    Capomulini

  • Bosco di Centorbi

    Bosco di Centorbi

  • Bosco Santa Maria la Stella

    Bosco Santa Maria la Stella

  • Grotta del Turco

    Grotta del Turco

  • Current
Etna - Martedì 20-04-2021 03:38:28 - Il sole sorge alle 06:15 e tramonta alle 19:41
Le news di Etnanatura -- Timpa Leucatia -- Metapiccola -- Hanno visitato il sito: 18.429.998 utenti - Nel 2021: 704.702 - Nel mese di Aprile: 128.182 - Oggi: 882 - On line: 20

Foto - Palmento Roccella
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Palmento Roccella

Foto di: Etnanatura e Giuseppe e Roberta Tizzone

Descrizione:
Alto Akesines (Alcantara), tra Mojo e Roccella, fino al XIV secolo territorio di Castiglione. In un'unica roccia arenaria troviamo due palmenti litici e due tombe a grotticella, dalla patina non si riesce a distinguere se c'è una differenza d'epoca tra i due manufatti, presumo dall’età del Bronzo al primo periodo siculo. Intorno al 1860 alle falde dell’Etna sono state ritrovate alcune ampelidi di ere geologiche dell’età terziaria: segno che la vite cresceva spontanea. I Fenici hanno contribuito solo alla commercializzazione. I libri di storia in genere fanno risalire la nascita della viticoltura e della produzione di vino all’Età del Bronzo (1300-1100 anni prima di Cristo) ma un recente ritrovamento potrebbe far cambiare le conoscenze sull’economia delle società antiche, il vino più antico è siciliano ed ha 6000 anni. Le analisi sono state condotte da Davide Tanasi dell’Università della Florida Meridionale, con la collaborazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), Università di Catania ed esperti della Soprintendenza ai Beni Culturali, su giare di terracotta non smaltata provenienti dal Monte Kronio (o San Calogero). Se il vino più antico è siciliano, è questo il palmento più antico?
Testo di Giuseppe e Roberta Tizzone
Sito web
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)