• Monte santa Maria

    Monte santa Maria

  • Santa Maria di Nuovaluce

    Santa Maria di Nuovaluce

  • Alesa Arconidea

    Alesa Arconidea

  • Alcantara gurne area archeologica

    Alcantara gurne area archeologica

  • Monte Pizzillo

    Monte Pizzillo

  • Minicucco San Giovanni Montebello

    Minicucco San Giovanni Montebello

  • Grotta Di Bella

    Grotta Di Bella

  • Rocca di Buticari

    Rocca di Buticari

  • Dagale lunghe

    Dagale lunghe

  • Lago Gurrida

    Lago Gurrida

  • Torre Rossa

    Torre Rossa

  • Rovittello

    Rovittello

  • Bosco dello Scacchiere

    Bosco dello Scacchiere

  • Cava Lineri

    Cava Lineri

  • Grotta di Monte Arcimis

    Grotta di Monte Arcimis

  • Aliva mpttata

    Aliva mpttata

  • Rifugio Pitarrone

    Rifugio Pitarrone

  • San Martino Randazzo

    San Martino Randazzo

  • Eremo sant Anna

    Eremo sant Anna

  • Palazzo Biscari

    Palazzo Biscari

  • Current
Etna - Venerdì 17-09-2021 08:18:33 - Il sole sorge alle 06:42 e tramonta alle 19:05 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.285.490 utenti - Nel 2021: 2.560.194 - Nel mese di Settembre: 200.422 - Oggi: 3.627 - On line: 27

Foto - Passo dei dammusi
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Passo dei dammusi

Foto di: Etnanatura, Martina e Vito Consoli

Descrizione:
(da Uniroma3). Le strutture più comuni che si formano nella crosta sottile e duttile sono quelle dette a corde. Queste sono fasci di corrugazioni alte pochi centimetri, curvate nella direzione del flusso per la maggiore velocità della parte centrale rispetto ai bordi, dove la lava è rallentata dall'attrito con il terreno. Molte corde non sono solo arcuate, ma anche attorcigliate su se stesse per il continuo movimento della lava mentre sono in formazione. Se il flusso di una lava pahoehoe rallenta, ad esempio su un tratto pianeggiante, la crosta diventa più grossa. L'accumulo di lava calda sottostante può sollevarla e arcuarla formando piccoli rilievi, detti tumuli, dalle cui fratture la lava esce in rivoli, simili a serpenti o a grosse budella. Nelle lave del 1614-24, alcuni tumuli sono molto estesi e sono stati chiamati mega-tumuli. Quando il flusso si restringe per qualche ostacolo, la crosta con superficie liscia o a corde, viene compressa e si frattura in lastroni. Nelle fessure tra un lastrone e l'altro si insinua la lava incandescente che, talvolta, si raffredda in quella posizione, formando delle specie di cunei rigonfi verso l'alto. Alcune strutture delle lave pahoehoe sono molto curiose, come quelle dette a spirale che si formano nei punti in cui la lava crea una specie di mulinello. Viste da vicino, le lave di Passo Dammusi non sono lisce, ma hanno una superficie simile a quella di una grattuggia per la presenza di innumerevoli cristalli inglobati nella lava, come canditi impastati in una torta. Seguendo le indicazioni nei pressi di Passo Dammusi si può arrivare in pochi minuti all'ingresso della grotta dei Lamponi, una delle più lunghe dell'Etna (900 m), formata da un unico tunnel con andamento Nord-Sud.Seguendo i segnali, si può salire da qui alle grotte del Labirinto, dell'Aci e del Gelo, per raggiungere le quali bisogna camminare ancora per circa 1,30-2 ore. I tubi di lava si formano in tutti i tipi di colate, ma le gallerie più ampie e più lunghe sono una caratteristica delle lave pahoehoe. Un tubo di lava si forma quando gli argini iniziali di una colata crescono fino a congiungersi verso l'alto. La lava incandescente, al riparo di questo coperchio, disperde calore in minima parte, scorre e resta fluida anche per tragitti molto lunghi. Dove il tunnel finisce e la lava ritorna in superficie si forma una bocca effimera. Quando l'alimentazione dal cratere termina, la lava continua a scorrere all'interno della cavità lasciandola alla fine vuota. In questo modo si sono formate le numerose grotte che si trovano sulle pendici dell'Etna. L'interno delle grotte conserva i segni del passaggio della colata, con stalagtiti che pendono dal soffitto formate dalla rifusione della volta solida per il calore sprigionato dal flusso sottostante. Le pareti dei tunnel sono spesso segnate da solchi e rilievi, paralleli allo scorrimento, lasciati dai diversi livelli raggiunti dalla lava calda. La presenza di tunnel di scorrimento rappresenta un'incognita sulla previsione dell'espansione di un campo di lava e sulle eventuali misure da approntare per fronteggiare i rischi che ne derivano. La lava ingrottata può uscire calda e fluida e pertanto ancora in grado di scorrere a lungo a quote molto basse.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)