• Torre Saracena Locadi

    Torre Saracena Locadi

  • Lago Sartori

    Lago Sartori

  • Santa Maria del Gesu

    Santa Maria del Gesu

  • Tarderia

    Tarderia

  • Rifugio Chiusitta

    Rifugio Chiusitta

  • Terme dell Indirizzo

    Terme dell Indirizzo

  • Grotte di casa del vescovo

    Grotte di casa del vescovo

  • Valle del Simeto

    Valle del Simeto

  • Museo archeologico Ramacca

    Museo archeologico Ramacca

  • San Filippo Calatabiano

    San Filippo Calatabiano

  • Monte Ferro

    Monte Ferro

  • Eremo monte Turcisi

    Eremo monte Turcisi

  • Rifugio Trearie

    Rifugio Trearie

  • Casale

    Casale

  • Faggio di monte Pomiciaro

    Faggio di monte Pomiciaro

  • Grotta Intraleo

    Grotta Intraleo

  • Praiola

    Praiola

  • Pantano Lentini

    Pantano Lentini

  • Rifugio Giarrita

    Rifugio Giarrita

  • Grotta Madonna della Roccia

    Grotta Madonna della Roccia

  • Current
Etna - Lunedì 27-09-2021 15:12:46 - Il sole sorge alle 06:51 e tramonta alle 18:50 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.397.069 utenti - Nel 2021: 2.671.773 - Nel mese di Settembre: 312.001 - Oggi: 7.571 - On line: 55

Foto - Rifugio Pietra Cannone
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Rifugio Pietra Cannone

Descrizione:
Il rifugio delle case di Pietracannone si trova a 1150 metri s.l.m. lungo la strada Mareneve e costituisce il punto base per l'escursionismo del Parco.
Col termine “pietra-cannone” viene indicato, dagli abitanti delle zone pedemontane etnee, il risultato di un particolare fenomeno che si verifica quando una colata lavica molto fluida investe un albero, avvolgendone il tronco e carbonizzandolo; mentre la parte della pianta rimasta fuori dalla colata in genere brucia senza lasciare una traccia duratura, quella inglobata dalla lava viene rivestita da una crosta di roccia che si solidifica intorno al tronco; con la diminuzione del tasso di emissione della lava dalle bocche effusive, la superficie della colata tende ad abbassarsi di livello e a solidificarsi, mentre il tronco rivestito della crosta rocciosa sporge dal terreno sotto forma di un tipico tubo di roccia dalla forma irregolare, formando un calco esterno del tronco (Fig.1: A 2), e indicando l’altezza raggiunta dalla colata lavica durante la massima fase di emissione. È chiaro che questo fenomeno si verifica esclusivamente quando la lava è ancora molto fluida, quindi in vicinanza del punto di emissione, sia essa una bocca eruttiva apertasi a bassa quota, sia essa una bocca effimera (bocca della zona terminale di una colata ingrottata) e in presenza di alberi ad alto fusto. Queste condizioni possono verificarsi, nell’ambito dell’edificio vulcanico etneo, al di sotto della quota limite raggiunta dalle zone boscose in dipendenza dell’esposizione dei versanti. Quando una colata lavica tende a raffreddarsi diventando più viscosa, e l’altezza del fronte della colata aumenta, qualunque ostacolo incontrato viene distrutto e/o bruciato.
Da Ingv Catania
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)