• Valle Agro

    Valle Agro

  • Peloritani

    Peloritani

  • Rifugi

    Rifugi

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Archeologia

    Archeologia

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Consigliati

    Consigliati

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

  • Fiumi e laghi

    Fiumi e laghi

  • Chiese

    Chiese

  • Simeto

    Simeto

  • Malabotta

    Malabotta

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Iblei

    Iblei

Etna - Giovedì 23-09-2021 19:35:48 - Il sole sorge alle 06:47 e tramonta alle 18:56 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.348.525 utenti - Nel 2021: 2.623.229 - Nel mese di Settembre: 263.457 - Oggi: 7.493 - On line: 30

Foto - Salto del pecoraio
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Salto del pecoraio

Foto di: Etnanatura e Salvo Nicotra

Descrizione:
A pochi metri dal Ponte del Saraceno (vedi), dove il fiume Simeto scava profonde e strette gole, si trova il Salto del pecoraio (Sautu du picuraru). Il luogo deve il suo fascino oltre che ad un'indubbia bellezza, alle leggende di cui è circonfuso. Secondo una versione, avallata da Paternò Castello (1907) in “Nicosia, Triona, Sperlinga, Adernò”, il nome nasce dal "salto" delle sponde del fiume di un pastorello per ritrovare l'amata ("... E' questo il “salto del pecoraio” così nominato perché narra la tradizione che un pastore, per raggiungere più celermente la sua innamorata, soleva spiccare il salto...). Una versione più prosaica vede invece il pastorello costretto a scappare dalle forze dell'ordine che lo inseguivano per arrestarlo. Trovandosi il fiume davanti e i carabinieri dietro il pastore, armatosi di coraggio, spicca un salto sull'altra sponda riuscendo così a seminare i militi fermi sul greto del fiume. Giuseppe Recupero (1817) in "Storia Naturale e Generale dell'Etna" si mantiene sul vago preferendo descrivere la geografia del posto: "... Poco prima di arrivare al ponte di Carcaci, si restringe molto il letto del fiume e si chiama il passo del Pecoraro, perché dicono che con un salto un bifolco sia passato da una all'altra ripa. Non è qui forse largo una canna e si profonda in maniera che non si vedono le sue acque né si ode il suo rumoreggiare, come se qui il fiume si nascondesse ...". Foto di Salvo Nicotra
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)