• Monte Grosso

    Monte Grosso

  • Contrada Cassone

    Contrada Cassone

  • Vallone del Turco

    Vallone del Turco

  • Torre Acquafredda

    Torre Acquafredda

  • Fortino

    Fortino

  • Mulino Chiarenza

    Mulino Chiarenza

  • Acquedotto romano Scalilli

    Acquedotto romano Scalilli

  • Rocca Pizzicata

    Rocca Pizzicata

  • Monastero Annunziata Mandanici

    Monastero Annunziata Mandanici

  • Grotte del Ginnasio

    Grotte del Ginnasio

  • Praiola

    Praiola

  • Fontanelle

    Fontanelle

  • Castello della Solicchiata

    Castello della Solicchiata

  • Monte Lapa

    Monte Lapa

  • Parco Cosentini

    Parco Cosentini

  • Baiardo

    Baiardo

  • Bagno Arabo Mezzagnone

    Bagno Arabo Mezzagnone

  • Alcantara gole

    Alcantara gole

  • Sentiero Zirio

    Sentiero Zirio

  • Serra Pizzuta

    Serra Pizzuta

  • Current
Etna - Lunedì 19-04-2021 15:29:43 - Il sole sorge alle 06:17 e tramonta alle 19:40
Le news di Etnanatura -- Timpa Leucatia -- Metapiccola -- Hanno visitato il sito: 18.427.206 utenti - Nel 2021: 701.910 - Nel mese di Aprile: 125.390 - Oggi: 3.917 - On line: 18

Foto - Sant'Agata la Vetere
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Sant Agata la Vetere

Descrizione:
Se c'è un luogo di Catania dove la leggenda e la storia, il mistero e la religione s'intrecciano in un fascinoso groviglio quasi inestricabile, ebbene questo luogo è la chiesa di Sant'Agata la Vetere. Nell'anno 264, tredici anno dopo il martirio, il vescovo San Everio stabilì l'erezione di una edicola votiva nel luogo dove Agata subì il taglio delle mammelle su ordine del proconsole Quinziano. Dopo l'editto di Costantino il vescovo San Severino, nell'anno 380, fece costruire un vero edificio di culto all'interno del quale custodire il corpo di Agata in un sarcofago romano ancora presente sotto l'altare maggiore. Ampliata in forma di basilica, fu cattedrale della città di Catania fino l 1091 quando il conte Ruggero dispose la costruzione dell'attuale cattedrale consacrata nel 1094. Distrutta dal terribile terremoto dell'11 gennaio del 1693 fu ricostruita nel 1722. Ma della vecchia basilica sono ancora visibili alcuni tratti sotto il pavimento della nuova chiesa e la cripta, rimasta pressoché intatta, che conserva ancora gli scolatoi per la mummificazione dei cadaveri. Subito dopo l'ingresso si trova la cassa in legno che per oltre 500 anni custodì le spoglie di sant'Agata.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)