• Alcara Li Fusi

    Alcara Li Fusi

  • Fiumefreddo di Sicilia

    Fiumefreddo di Sicilia

  • Gallodoro

    Gallodoro

  • Aci SantAntonio

    Aci SantAntonio

  • San Fratello

    San Fratello

  • Montagnareale

    Montagnareale

  • Brolo

    Brolo

  • Aci Catena

    Aci Catena

  • Messina

    Messina

  • Santa Croce Camerina

    Santa Croce Camerina

  • Mascali

    Mascali

  • Nizza di Sicilia

    Nizza di Sicilia

  • Rometta

    Rometta

  • San Teodoro

    San Teodoro

  • Ragalna

    Ragalna

  • Noto

    Noto

  • Cerami

    Cerami

  • Ramacca

    Ramacca

  • Pozzallo

    Pozzallo

  • Malvagna

    Malvagna

Etna - Lunedì 27-09-2021 15:49:53 - Il sole sorge alle 06:51 e tramonta alle 18:50 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.397.467 utenti - Nel 2021: 2.672.171 - Nel mese di Settembre: 312.399 - Oggi: 7.969 - On line: 51

Foto - Santa Maria Roccella
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Santa Maria Roccella

Descrizione:
La chiesa dedicata a Maria dell'Udienza fu verosimilmente costruita dagli Spadafora. Regnando Federico II d'Aragona nel 1296 Damiano Spadafora risulta barone di Roccella in forza di un antico possesso e non per una nuova regia concessione. La baronia diviene marchesato con Michele Spadafora, primo marchese con esecutorio dato in Palermo il 23 giugno 1579. Nella chiesa di santa Maria si venera una bella statua marmorea dedicata a Maria Santissima dell'Udienza che tiene in braccio Gesù Bambino. Il basamento marmoreo della statua risulta staccato e conservato in altro sito. Frontalmente sulla base è riprodotta la Dormitio Virginis, quale sigla che conferma l'attribuzione dell'opera ad Antonello Gagini, lateralmente sono scolpiti i blasoni della committenza. Davanti al letto della Madonna, seduto per terra: l'ebreo anchilosato, così come si osserva in tante altre opere cinquecentesche. Nella torre campanaria di stile arabeggiante si conserva un orologio meccanico con contrappesi in pietra. Un vano fra la torre campanaria e la sagrestia, senza alcun accesso, è ricolmo di ossa umane.
Da Wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)