• Piazza Duomo Mandanici

    Piazza Duomo Mandanici

  • Castello Francavilla di Sicilia

    Castello Francavilla di Sicilia

  • Dagala del Picchio

    Dagala del Picchio

  • Museo castello Ursino

    Museo castello Ursino

  • Monti Rossi Nicolosi

    Monti Rossi Nicolosi

  • Lago Sartori

    Lago Sartori

  • Basilica monte Po

    Basilica monte Po

  • Grotta Monpeloso

    Grotta Monpeloso

  • Salto del pecoraio

    Salto del pecoraio

  • Catania fortificata

    Catania fortificata

  • Grotta del diavolo

    Grotta del diavolo

  • Annunziata Forza Agro

    Annunziata Forza Agro

  • Pietra cannone valle del Bove

    Pietra cannone valle del Bove

  • Gornalunga

    Gornalunga

  • Rifugio Ariel

    Rifugio Ariel

  • Grotta di Monte Arcimis

    Grotta di Monte Arcimis

  • Piano Collura

    Piano Collura

  • Castello di Montalbano

    Castello di Montalbano

  • Vena

    Vena

  • Torre San Pietro Clarenza

    Torre San Pietro Clarenza

  • Current
Etna - Lunedì 20-09-2021 07:14:03 - Il sole sorge alle 06:45 e tramonta alle 19:01 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.313.725 utenti - Nel 2021: 2.588.429 - Nel mese di Settembre: 228.657 - Oggi: 3.288 - On line: 22

Foto - Santuario Dinnammare
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Santuario Dinnammare

Foto di: Etnanatura e Rosangela Russo

Descrizione:
Il santuario della Madonna di Dinnammare sorge sulla cima dell'omonimo monte, alto circa 1130 metri, che fa parte della catena dei monti Peloritani. Il nome Dinnammare deriverebbe dal termine latino "bimaris", poiché dalla sua vetta è possibile godere della visuale dei due mari, lo Jonio e il Tirreno. Dal piazzale della chiesa si può ammirare la città di Messina in tutta la sua grandezza e lo stretto nella sua maestosità. Volgendo lo sguardo sul versante Tirrenico, è invece possibile osservare la baia di Milazzo le vulcaniche Eolie. Due sono le leggende che raccontano l'inizio del culto della Madonna di Dinnammare. Un pastorello di buoi della famiglia Occhino si trovava sul monte e si imbatté in una tavoletta di marmo alta 2 palmi e larga 1 palmo e mezzo. Se la portò a casa ma la mattina seguente non la trovò più dove l'aveva riposta, bensì nel posto dove l'aveva trovata il giorno prima. Questo per ben due volte. Saputo ciò, il parroco del paese volle che la tavoletta venisse custodita in chiesa ma, la mattina seguente, il pastorello Occhino la ritrovò ancora sul monte. Era troppo manifesto che la Madonna volesse stare lassù e così, ad Essa gli abitanti di Larderia eressero una chiesetta. Un'altra leggenda racconta che la sacra Icona venisse dal mare portata sulla schiena da due mostri marini che la deposero nel tratto di spiaggia di fronte al monte. I pescatori che lì si trovavano, la adorarono per diversi giorni ed un gruppo ampio di pellegrini fece visita alla santa Icona tantoché la spiaggia diventò un santuario. Successivamente gli stessi pescatori La portarono sulla vetta del monte dove sorge la chiesetta.
Da Wikipedia
P.S. Permetteteci solo un'osservazione che non vuole essere blasfema. E' proprio necessario rovinare dei posti di sicuro fascino paesaggistico con chiese di dubbio valore artistico come quella di Dinnammare?
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)