• Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Musei

    Musei

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Iblei

    Iblei

  • Romani

    Romani

  • Greci

    Greci

  • Preistoria

    Preistoria

  • Chiese

    Chiese

  • Speciali

    Speciali

  • Peloritani

    Peloritani

  • Archeologia

    Archeologia

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Pianobello

    Pianobello

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Fiumi e laghi

    Fiumi e laghi

  • Aree protette

    Aree protette

  • Nebrodi

    Nebrodi

Etna - Lunedì 20-09-2021 06:51:21 - Il sole sorge alle 06:45 e tramonta alle 19:01 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.313.632 utenti - Nel 2021: 2.588.336 - Nel mese di Settembre: 228.564 - Oggi: 3.195 - On line: 21

Foto - Tempio romano Capo Mulini
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Tempio romano Capo Mulini

Descrizione:
(da ipaesaggi.eu) Alcuni ruderi interessanti è possibile osservarli nei pressi del moderno edificio di culto, per l'esattezza ad oriente di quest'ultimo. Trattasi, probabilmente, dei resti di una precedente chiesa, diruta e quasi del tutto obliterata da un cataclisma non ben individuato, forse un terremoto o un maremoto corrispondente al terribile terremoto, che colpì Messina nel 1908, il quale causò ripercussioni lungo tutta la costa ionica, almeno fino a Catania. Nei presi di siffatti ruderi giacciono, inoltre, i resti basamentali di un tempio romano del I/II secolo d.C. Studiati a fondo dal Libertini, durante la metà degli anni 50, purtroppo ai giorni nostri non sono visitabili, perché giacenti in territorio privato e non vincolati. I resti constano di un basamento edificato per una parte con malta cementizia e pietrame lavico non sbozzato; una seconda porzione invece sembra presentare, almeno all'esterno, grossi blocchi di basalto incastrati l'un l'altro e legati insieme dalla medesima malta. A settentrione del basamento il Libertini vedeva una sorta di sacello o una camera ipogeica, oggi ancora presente ma del tutto interrata.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)