• Pianobello

    Pianobello

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Musei

    Musei

  • Peloritani

    Peloritani

  • Barocco

    Barocco

  • Fiumi e laghi

    Fiumi e laghi

  • Grotte

    Grotte

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Alcantara

    Alcantara

  • Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Simeto

    Simeto

  • Preistoria

    Preistoria

  • Bizantini

    Bizantini

  • Immacolatelle

    Immacolatelle

  • Chiese

    Chiese

  • Parco dei Nebrodi

    Parco dei Nebrodi

  • Romani

    Romani

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Iblei

    Iblei

Etna - Giovedì 22-04-2021 19:33:16 - Il sole sorge alle 06:13 e tramonta alle 19:43
Le news di Etnanatura -- Monte Nero delle Concazze -- Timpa Leucatia -- Hanno visitato il sito: 18.448.149 utenti - Nel 2021: 722.853 - Nel mese di Aprile: 146.333 - Oggi: 6.571 - On line: 27

Foto - Torre Cabrera
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Torre Cabrera

Foto di: Salvo Nicotra

Descrizione:
Nel XV secolo il sito dell'attuale Pozzallo era conosciuto dai naviganti per le sorgenti di acqua chiamate di "Pozzofeto" e della "Senia", in quei tempi tanto famose da essere segnalate sui portolani e sulle carte nautiche per il rifornimento delle scorte d'acqua dei navigli. Quando i Chiaramonte, Conti di Modica, vi costruirono un Caricatore, cioè un complesso di magazzini sulla costa completo di pontili e scivoli per l'imbarco di merce sui velieri, considerato il secondo per importanza della Sicilia dell'epoca, si rese necessaria anche la costruzione di strutture per la sua difesa; agli inizi del XV secolo il re Alfonso V d'Aragona autorizzò la richiesta del conte Giovanni Bernardo Cabrera, di costruire una torre di difesa che da lui prese il nome: Torre di Cabrera. La struttura risultò molto imponente e di grande importanza militare per l'avvistamento preventivo dei velieri pirata che in quel tempo miravano spesso ai magazzini del Caricatore, sempre colmi di grano della Contea di Modica, che imbarcato a Pozzallo raggiungeva i più lontani porti del Mediterraneo. Nella torre prestavano servizio soldati e artiglieri e sulle sue terrazze vi erano piazzati cannoni di diverso calibro mentre dei cavalieri sorvegliavano la costa. Venivano anche catturati e puniti i criminali o i prigionieri saraceni catturati e giustiziati in una camera particolare, ancor oggi visibile, situata proprio sugli scogli, dove i detenuti venivano incatenati e poi uccisi per annegamento dalle acque innalzatisi con l'alta marea. Nelle volte a crociera di qualcuna delle sale, adibite a residenza del castellano, o del Conte stesso di passaggio, spiccano gli stemmi scolpiti raffiguranti il blasone della nobile famiglia catalana dei Cabrera. Attorno alla Torre Cabrera si sviluppò il primo agglomerato urbano di Pozzallo, costituito in un primo tempo da poche centinaia di persone fra soldati e pescatori. Nel 1693 la Torre una parte crollò in seguito ad un terremoto. In parte fu ricostruita applicando alcune modifiche al progetto originale. Oggi la torre è Monumento Nazionale, ed è riportata sullo stemma della città di Pozzallo. Per una questione estetica, alcune finestre originali sono state ricostruite totalmente attenendosi il più possibile alla forma originale.
Fonte Wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)