• Ucria

    Ucria

  • Mascalucia

    Mascalucia

  • Ragusa

    Ragusa

  • Galati Mamertino

    Galati Mamertino

  • Tusa

    Tusa

  • Letojanni

    Letojanni

  • Alcara Li Fusi

    Alcara Li Fusi

  • Giarre

    Giarre

  • Agira

    Agira

  • San Teodoro

    San Teodoro

  • Caronia

    Caronia

  • Castell'Umberto

    Castell'Umberto

  • Torrenova

    Torrenova

  • San Michele di Ganzaria

    San Michele di Ganzaria

  • Cerami

    Cerami

  • Terme Vigliatore

    Terme Vigliatore

  • Sant Alfio

    Sant Alfio

  • Scaletta Zanclea

    Scaletta Zanclea

  • Taormina

    Taormina

  • Trecastagni

    Trecastagni

Etna - Sabato 17-04-2021 10:34:44 - Il sole sorge alle 06:19 e tramonta alle 19:39
Le news di Etnanatura -- Metapiccola -- Hanno visitato il sito: 18.412.198 utenti - Nel 2021: 686.902 - Nel mese di Aprile: 110.382 - Oggi: 3.076 - On line: 23

Foto - Torre Saracena Roccalumera
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Torre Saracena Roccalumera

Descrizione:
Antica torre di guardia, comunemente detta "Torre Saracena". La costruzione risale probabilmente all'inizio del '400 e non è improbabile che l'aggettivo "saracena" stia per significare "torre antica". Le funzioni della torre, costruita nei pressi della spiaggia, erano di avvistamento, di prima difesa e all'occorrenza offriva rifugio ai contadini qualora ci fossero incursioni dei pirati. Le segnalazioni di pericolo si effettuavano di giorno con il fumo, e di notte con il fuoco acceso in apposite padelle. Alla torre si accedeva tramite una scala a corda. Scomparso il pericolo dei pirati, la torre fu adibita a torre telegrafo e metteva in comunicazione la contrada detta "Zia Paola", nome derivato dalla locanda dove i viandanti solevano fermarsi per rifocillarsi, posta sulla Marina di Pagliara, con la cittadina di Barcellona, poco distante da Messina. Nel 1578 la "Torre saracena" presentava una struttura con un tetto conico, due lucernari sulla parte superiore, una porticina d'ingresso al di sopra della zoccolatura e, di fianco, alla stalla per il "cavallaio", visibile ancora oggi.

Comune di Roccalumera

VICINO AD UNA TORRE SARACENA

Io stavo ad una chiara
conchiglia del mio mare
e nel suono lontano udivo cuori
crescere con me, battere
uguale età. Di dèi o di bestie, timidi
o diavoli: favole avverse della
mente. Forse le attente
morse delle tagliole
cupe per volpi lupi
iene, sotto la luna a vela lacera,
scattarono per noi,
cuori di viole delicate, cuori
di fiori irti. O non dovevano crescere
e scendere dal suono: il tuono tetro
su dall'arcobaleno d'aria e pietra,
all'orecchio del mare rombava una
infanzia errata, eredità di sogni
a rovescio, alla terra di misure
astratte, ove ogni cosa
è più forte dell'uomo.

Salvatore Quasimodo
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)