• Timpa Acireale

    Timpa Acireale

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Rifugi

    Rifugi

  • Speciali

    Speciali

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Barocco

    Barocco

  • Piano dei Dammusi Sciara del Follone

    Piano dei Dammusi Sciara del Follone

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Musei

    Musei

  • Iblei

    Iblei

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Simeto

    Simeto

  • Archeologia

    Archeologia

  • Immacolatelle

    Immacolatelle

  • Malabotta

    Malabotta

  • Romani

    Romani

Etna - Martedì 28-09-2021 01:16:45 - Il sole sorge alle 06:52 e tramonta alle 18:48 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.402.581 utenti - Nel 2021: 2.677.285 - Nel mese di Settembre: 317.513 - Oggi: 702 - On line: 42

Foto - Torrente Vacco
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Torrente Vacco

Descrizione:
La fiumara del Fiumedinisi procede a nord dell’omonimo paese, biforcandosi dopo circa 6 km: il ramo di sinistra è il torrente Vacco, che si apre su un’area mineraria dove si trovano le Pietre di Caloro, mentre a destra continua prendendo il nome di Santissima. I Greci chiamarono il fiume della valle Chrisorhoas perchè tra le rive dello stesso trovarono rasure di oro. Il prezioso minerale veniva ricavato dalla sabbia del torrente che attraversava la zona mineraria montana. L’oro estratto serviva alla fabbricazione di monete e, più spesso, di utensili domestici e gioielli di gran pregio, destinati alle famiglie patrizie della Sicilia. Durante il periodo arabo nella zona viene riposto un certo interesse per le miniere di ferro, mentre Ruggero II concentrò il suo interesse per il vetriolo e l’allume, non tralasciando l’oro, con il quale fece rivestire i capitelli del duomo di Messina. In epoca più recente vi si estraevano minerali di piombo "argentifero" e di zinco.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2021 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)