• Rifugio Milia

    Rifugio Milia

  • San Filippo

    San Filippo

  • Malabotta Rocca Voturi

    Malabotta Rocca Voturi

  • Santa Maria la Cava

    Santa Maria la Cava

  • San Filippo Valverde

    San Filippo Valverde

  • Villa san Pancrazio

    Villa san Pancrazio

  • Collina di Paterno

    Collina di Paterno

  • San Michele Arcangelo Allume

    San Michele Arcangelo Allume

  • Contrada Cassone

    Contrada Cassone

  • Punta Ciriga

    Punta Ciriga

  • Salto del pecoraio

    Salto del pecoraio

  • Grotta di Aci

    Grotta di Aci

  • Grotta della Signora

    Grotta della Signora

  • Alcantara gole Ficarazzi

    Alcantara gole Ficarazzi

  • Acquedotto romano Misterbianco

    Acquedotto romano Misterbianco

  • Monte Corvo

    Monte Corvo

  • Grotta del Gelo

    Grotta del Gelo

  • San Giovanni

    San Giovanni

  • Grotta di Monte Arcimis

    Grotta di Monte Arcimis

  • Chiesa dei tre santi

    Chiesa dei tre santi

  • Current
Etna - Luned├Č 27-09-2021 14:31:12 - Il sole sorge alle 06:51 e tramonta alle 18:50 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Castagno di Rinazzu -- Fau di Saraneddu -- Minicucco di Fornazzo -- Ilice du Saucu -- Grotta Cantarella -- Hanno visitato il sito: 20.396.665 utenti - Nel 2021: 2.671.369 - Nel mese di Settembre: 311.597 - Oggi: 7.167 - On line: 45
Crateri eruzione 1991
Nome: Crateri eruzione 1991
Comune: Nicolosi
Località:Rifugio Sapienza
Foto di:Etnanatura e Danilo Micheli
Descrizione L'ultima grande eruzione etnea del XX secolo ha inizio nella mattinata del 14 dicembre 1991, quando si aprono alcune fessure eruttive sia sul versante settentrionale del cono del Cratere di Sud-Est (per intenderci, quello che ora viene spesso chiamato "vecchio" per distinguerlo dal nuovo cono, che si è formato durante l'attività parossistica del 2011-2012), sia sul fianco SSE del cono. Una breve ma intensa crisi sismica ha preceduto questa nuova eruzione, che dà luogo ad una vivace attività stromboliana che si esaurirà dopo poche ore, mentre la frattura a SSE continua a propagarsi verso il basso, da una quota di circa 3000 m fino a 2700 m. La parte più alta di questa nuova frattura produce fontane di lava e due piccole colate di lava che avanzano qualche centinaio di metri verso l'orlo occidentale della Valle del Bove; dopo circa 4 ore anche questa attività finisce. Tuttavia, dalla terminazione SSE della fessura eruttiva, il suolo continua a fratturarsi verso valle, e si registra un'intensa attività sismica - segni che annunciano che l'eruzione non è finita, ma deve ancora cominciare davvero. Una nuova fase eruttiva comincia nella notte fra il 14 e il 15 dicembre 1991, con l'apertura di una fessura eruttiva nella parete occidentale della Valle del Bove, a circa 2200 m di quota (ndr Sono questi i crateri che vi invitiamo a visitare). Da una serie di bocche si osserva un'intensa attività stromboliana e l'emissione di voluminose colate di lava, la più importante dalla parte bassa della frattura. La lava comincia a scendere rapidamente verso il fondo della Valle del Bove, nella sua parte meridionale, poi avanza verso est, in direzione del ripido pendio del Salto della Giumenta (quota 1300-1400 m circa), dove la Valle del Bove passa nell'adiacente Val Calanna. Il giorno 24 dicembre, la lava raggiunge il Salto della Giumenta e formando spettacolari cascate, si riversa verso la Val Calanna, la quale viene gradualmente colmata nei giorni successivi, e alla fine di dicembre i fronti lavici più avanzati hanno raggiunto una distanza di 6.5 km dalle bocche eruttive. Durante le prime settimane dell'eruzione, le bocche eruttive poste nella parte alta della fessura attiva mostrano un'intensa attività stromboliana, però a partire da metà gennaio 1992 l'attività esplosiva comincia a diminuire e a marzo continua soltanto l'emissione di lava accompagnato da degassamento. Da Ingv sezione di Catania
Dati sentiero 1
Download mappe
Indicazioni percorso:
Proveniedo da Zafferana Etnea il sentiero inizia sulla destra, poco prima di arrivare al Rifugio Sapienza, ed è indicato da un cartello.
Mappa altimetrica
Distanza: 2.5 km - Andata e ritorno.
Grado difficoltà:3/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!
Coordinate inizio: 15°00'14,75'' - 37°41'56,29''
Coordinate fine: 15°00'14,75'' - 37°41'56,29''
Quota inizio: 1889 m.s.m.
Quota fine: 1889 m.s.m.
Tempo percorso: 2h - Andata e ritorno.
Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Crateri eruzione 1991 0 0 Link Link Valle del Bove
Monti silvestri 0 0 Link Link
Crateri sommitali 0.48 6.43 Link Link Consigliati
Crateri Barbagallo 0.48 4.8 Link Link Consigliati
Rifugio Sapienza 0.52 0.52 Link Link Rifugi
Schiena dell Asino 1.01 2.3 Link Link Consigliati-Valle del Bove
Montagnola 1.01 2.08 Link Link Consigliati-Valle del Bove
Grotta Pitagora 1.04 1.21 Link Link Grotte
Grotte di casa del vescovo 1.88 1.87 Link Link Grotte
Casa del vescovo 1.88 1.82 Link Link Rifugi
Serra Pizzuta 1.88 1.67 Link Link
Grotta degli archi 2.1 4.67 Link Link Grotte-Consigliati
Rifugio della Galvarina 2.1 6.09 Link Link Rifugi-Ciclabili-Consigliati
Rifugio monte Palestra 2.1 6.88 Link Link Rifugi
Monte Vetore 2.13 2.13 Link Link
Rifugio Santa Barbara 2.13 2.54 Link Link Rifugi
Rifugio Carpinteri 2.13 3.3 Link Link Rifugi
Monte Nero degli Zappini 2.13 2.25 Link Link Ciclabili-Consigliati
Grotta Santa Barbara 2.13 2.54 Link Link Grotte
Nuova Gussonea 2.13 3.38 Link Link Aree protette

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Nicolosi
    Etichette
Numero visite:
Totale (*): 4924 - nel 2021: 1169 - nel mese di Settembre: 99 - Oggi: 1 - (*) Da Giugno 2018
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc