• Pozzo Blandini

    Pozzo Blandini

  • Grotta Pietrabuca

    Grotta Pietrabuca

  • Primosole

    Primosole

  • Giarrita

    Giarrita

  • Castello di Agira

    Castello di Agira

  • Foro romano Catania

    Foro romano Catania

  • Quercia santa Lucia

    Quercia santa Lucia

  • Malabotta Rocca Voturi

    Malabotta Rocca Voturi

  • Fico villa Bellini

    Fico villa Bellini

  • Cugno Case Vecchie

    Cugno Case Vecchie

  • Priorato san Giacomo

    Priorato san Giacomo

  • Bricinna

    Bricinna

  • Torre del Baglio

    Torre del Baglio

  • Collina san Liu

    Collina san Liu

  • Cava Albarcara

    Cava Albarcara

  • Sughereta di Villasmundo

    Sughereta di Villasmundo

  • Colle san Mauro

    Colle san Mauro

  • Ponte dei Malati

    Ponte dei Malati

  • San Nicolo Roccella

    San Nicolo Roccella

  • Rifugio monte Ruvolo

    Rifugio monte Ruvolo

  • Current
Italiano English Etna - Lunedì 24-06-2024 03:18:57 - Il sole sorge alle 05:37 e tramonta alle 20:27 - Luna gibbosa calante luna
Le news di Etnanatura -- Golfo della Monaca -- Rifugio Conti -- Zappinazzu Junior -- Vercingetorige -- San Nicola Buccheri -- Zappino piano Provenzana -- Faggio piano Provenzana -- Piano Provenzana -- Due monti -- Rifugio monte Baracca -- Monte Baracca -- San Nicolò l'Arena -- Castello Ursino -- Hanno visitato il sito: 93.951.984 utenti - Nel 2024: 2.631.726 - Nel mese di Giugno: 436.672 - Oggi: 1.650 - On line: 123

Foto - Cozzo Matrice
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Cozzo Matrice

Foto di: Giuseppe Patti

Descrizione:
Cozzo Matrice è un importante sito archeologico posto a nord del lago di Pergusa. Il sito è stato sede di un villaggio siculo successivamente ellenizzato e divenuto un importante centro agricolo ma soprattutto religioso. Gli scavi effettuati prima di Paolo Orsi e poi da Bernabò Brea hanno indagato le necropoli e l'abitato restituendo una datazione tra il VI e il V sec. a.C. Le tombe manifestano una commistione tra l'indigeno e l'elemento greco essendo a grotticella artificiale con soffitti a spiovente. Numerose sono le strutture murarie ancora visibili e altrettanto interessanti sono i palmenti rupestri ancora ben conservati, tuttavia l'aspetto più importante è la presenza di un temenos che circonda una grotta posta sul punto più alto della rocca attraverso il quale è possibile identificare come l'anfratto da dove uscì fuori Ade che rapì Kore dando inizio al mito di Demetra. Diodoro Siculo, infatti, narra di un pianoro alto e scosceso da dove vi era la spelonca che si apriva agli inferi e al regno di Ade.
Info Sicilia Fotografica
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti del sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.4.0 Italia(CC BY-NC-SA 4.0 DEED)