• Preistoria

    Preistoria

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Bizantini

    Bizantini

  • Chiese

    Chiese

  • Aree protette

    Aree protette

  • Catania romana

    Catania romana

  • Cave e opere sottoterra

    Cave e opere sottoterra

  • Erei

    Erei

  • Etna

    Etna

  • Acquedotto romano

    Acquedotto romano

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Contrada Ilice

    Contrada Ilice

  • Consigliati

    Consigliati

  • Canalone del Tripodo

    Canalone del Tripodo

  • Castelli e ruderi

    Castelli e ruderi

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Bosco di Aci

    Bosco di Aci

  • Piano Dammusi-Sciara Follone

    Piano Dammusi-Sciara Follone

  • Rifugi

    Rifugi

  • Mare

    Mare

Italiano English Etna - Lunedì 15-07-2024 16:49:02 - Il sole sorge alle 05:49 e tramonta alle 20:22 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Il Cesare di Acireale -- San Marco Castroreale -- Piano Croce -- Hanno visitato il sito: 94.203.223 utenti - Nel 2024: 2.882.965 - Nel mese di Luglio: 167.554 - Oggi: 8.142 - On line: 188

Foto - Villa Capuana
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Villa Capuana

Foto di: Paolo Privitera

Descrizione:
L'edificio costituisce la casa di villeggiatura della famiglia Capuana a Mineo.
E' in questo edificio che Capuana decide di ambientare uno sei suoi racconti "Scurpiddu":
"Ora egli conosceva tutti i fondi della masseria palmo per palmo, e menava i tacchini fin sul ciglione dell'Arcura, d'onde si godeva la vista della Piana di Catania e dell'Etna da un lato, delle colline di Catalfaro e della Nicchiara dall'altro; e si vedeva Mineo arrampicato sul monte, con le torri del vecchio castello e i campanili delle chiese ritagliati sul cielo; e dall'altra parte, laggiù, quasi rannicchiato sotto la roccia rossastra, Palagonía, dov'egli distingueva la casa del notaio; e, lontano, come un sassolino bianco buttato tra l'erba verde, la casa di campagna dov'egli era stato a guardare i tacchini e dove avea patito tante volte la fame e il freddo, perchè spesso si scordavano di lui e non gli mandavano il pane dal paese; e doveva dormire su la nuda paglia, con uno straccio di vecchia bisaccia per coperta, allo scuro."
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti del sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.4.0 Italia(CC BY-NC-SA 4.0 DEED)