• Priorato san Giacomo

    Priorato san Giacomo

  • Pineta di Graniti

    Pineta di Graniti

  • Castello Mongialino

    Castello Mongialino

  • Castello Xirumi Serravalle

    Castello Xirumi Serravalle

  • Castello di Nicosia

    Castello di Nicosia

  • Salinelle del Simeto

    Salinelle del Simeto

  • Castellaccio

    Castellaccio

  • Caseggiato Mannino

    Caseggiato Mannino

  • Cubania

    Cubania

  • Rifugio Ariel

    Rifugio Ariel

  • Necropoli santa Barbara

    Necropoli santa Barbara

  • Lago Sartori

    Lago Sartori

  • Serra del Salifizio

    Serra del Salifizio

  • Rifugio Milia

    Rifugio Milia

  • Casale

    Casale

  • Salinelle di san Biagio

    Salinelle di san Biagio

  • Castello di Montalbano

    Castello di Montalbano

  • Grotte Scorciavacca

    Grotte Scorciavacca

  • Terme Santa Venera

    Terme Santa Venera

  • Orgale

    Orgale

  • Current
Etna - Mercoledì 05-10-2022 07:21:44 - Il sole sorge alle 06:58 e tramonta alle 18:38 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Pidata di sant'Agata -- Chiesa Carmine Nunziata -- Monte Castellaccio -- Bosco di Centorbi -- Sieli -- Pozzo Blandini -- Hanno visitato il sito: 34.382.288 utenti - Nel 2022: 13.270.750 - Nel mese di Ottobre: 477.667 - Oggi: 17.746 - On line: 242
Immacolatelle

Tra l'Etna e il golfo di Catania, la Riserva Naturale Integrale "Complesso Immacolatelle e Micio Conti", istituita nel 1998, tutela un complesso di grotte laviche che si estende per 25 ettari, in un tipico paesaggio agrario caratterizzato dalla presenza di un sistema diffuso di casudde, saje e muri a secco. Dall'alto, la Guardiola Cantarella, una garitta spagnola del '600, domina la Riserva. Il Complesso Immacolatelle e Micio Conti è costituito da un sistema di nove cavità vulcaniche all'interno di un campo lavico a morfologia hawaiiana. Nelle grotte Immacolatelle, due crolli hanno diviso un unico tunnel lavico in più parti, dando origine ad un complesso di quattro grotte. All'interno delle cavità sono presenti interessanti morfologie: nella Micio Conti il passaggio della lava ha lasciato striature sulle pareti e piccole stalattiti di rifusione sulla volta; nelle quattro grotte Immacolatelle rotoli di lava alla base delle pareti e lave a corde ornano il pavimento; nella Grotta dei Tedeschi, una "cascata" di apparati radicali della sovrastante vegetazione pende dalla volta. Tra i mammiferi, rilevante è la presenza del Quercino (Eliomys quercinus) oltre alle abbondanti popolazioni di Coniglio (Oryctolagus cuniculus) e Donnola (Mustela nivalis). Le numerose grotte di scorrimento lavico ospitano specie di Chirotteri (pipistrelli) fra quali il Ferro di cavallo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum).Tra i rettili si segnala la presenza del Colubro leopardino (Elaphe situla) e il Gongilo (Chalcides ocellatus). Tra l'avifauna spiccano i rapaci come la Poiana (Buteo buteo), il Gheppio (Falco tinnunculus) e il Barbagianni (Tyto alba) che nidificano nel territorio della Riserva. Alcuni lembi di vegetazione forestale a Quercia virgiliana (Quercus virgiliana) che, unitamente alla Quercia amplifolia (Quercus amplifolia) e al Bagolaro (Celtis australis), formano dei boschi termofili, una vera rarità per l'intero comprensorio etneo. Sulle creste rocciose si scorge l'Euforbia arborescente (Euphorbia dendroides) che, assieme all'Alaterno (Rhamnus alaternus), l'Olivastro (Olea europea), il Terebinto (Pistacia terebintus) ed altre piante mediterranee, tende a ricostituire una tipica vegetazione di macchia. E' presente la rara Aristolochia altissima e la Serapias vomeracea, una graziosa orchidea.
Fonte Cutgana.

- Ordinamento: alfabetico - preferenza
Mappa
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc