• Santa Teresa Riva

    Santa Teresa Riva

  • San Gregorio

    San Gregorio

  • Limina

    Limina

  • San Marco DAlunzio

    San Marco DAlunzio

  • Itala

    Itala

  • San Teodoro

    San Teodoro

  • Savoca

    Savoca

  • Priolo Gargallo

    Priolo Gargallo

  • Pedara

    Pedara

  • Nizza di Sicilia

    Nizza di Sicilia

  • Piraino

    Piraino

  • Roccalumera

    Roccalumera

  • Randazzo

    Randazzo

  • Scaletta Zanclea

    Scaletta Zanclea

  • Giarre

    Giarre

  • Roccavaldina

    Roccavaldina

  • Messina

    Messina

  • Milo

    Milo

  • Tusa

    Tusa

  • Linguaglossa

    Linguaglossa

Italiano English Etna - Martedì 16-04-2024 16:50:34 - Il sole sorge alle 06:20 e tramonta alle 19:38 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Cugno Case Vecchie -- Santa Lucia di Mendola -- Montagna di Ramacca -- Faggio della Rocca -- Canalone dei Faggi -- Hanno visitato il sito: 92.918.462 utenti - Nel 2024: 1.598.204 - Nel mese di Aprile: 198.338 - Oggi: 9.102 - On line: 134

Foto - Castello Calatabiano
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Castello Calatabiano

Foto di: Etnanatura, Angela Di Bella, Angelo Tecchese La Spina

Descrizione:
Il castello fu costruito dagli arabi e successivamente rimaneggiato dai normanni. Per la sua grande importanza militare svevi e aragonesi vi apportarono migliorie difensive. Alla famiglia dei Cruyllas si deve l'ampliamento che portò la fortezza alle dimensioni attuali. Di maggior interesse sono il portale di ingresso, costituito da un arco a sesto acuto di pietra arenaria e pietra lavica, e il "Salone dei Cruyllas", diviso simmetricamente da un arco in pietra lavica il cui concio reca le insegne della famiglia. Nella parte più elevata del maschio si trova un'uscita di emergenza sul pendio più ripido e difficilmente accessibile del monte. Solo qualche rudere rimane invece del borgo abbandonato nel 1693. Sul monte Castello,trenta metri più in basso del maniero, la Chiesa del Santissimo Crocifisso, inaugurata il quattro marzo 1484, ha forme tardo gotiche, un massiccio campanile merlato e due portali ogivali d'ingresso, a ovest e a sud. Sulla facciata vi è un'iscrizione recante la data d'apertura al culto dell'edificio da parte del vescovo Eufemio. Vi è custodito il simulacro di San Filippo Siriaco. Nella celletta alla base del campanile, cui si accede direttamente dall'aula tramite una porta ad arco leggermente bicentrico a conci regolari radiali in pietra bianca, di tipo catalano, è situato nella parete ovest un affresco di Madonna e Bambino che reggono una grossa catena che ha alla fine un giogo a due anelli. L'affresco, di buona fattura inscrivibile non oltre i primi quindici anni del Cinquecento,da considerarsi unico nella regione di filiazione antonellesca, dai Peloritani agli Iblei, che rischia danni definitivi per l'umidità di risalita e per la sottovalutazione dell'importanza, ha un modello stante di tipo desalibesco, col Bambino in piedi (postura riscontrabile nei piccoli monumenti funerari di Antonello Freri) sulla gamba destra della Madre, ed è sensibile alla moda 'rilassata' di un Befulco o di uno Scacco, a loro volta mediatori al sud della naturalezza raffaellesca, con voluti grafismi neobizantini (mani e occhi) e una caratteristica unica: la Madonna guarda con bonaria introspezione, "alla greca", verso l'osservatore.Un forte e distribuito uso del color marrone farebbe pensare a un tentativo di sinopia poi ridipinto. Da Wikipedia
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti del sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.4.0 Italia(CC BY-NC-SA 4.0 DEED)