• Bizantini

    Bizantini

  • Aree protette

    Aree protette

  • Nebrodi

    Nebrodi

  • Parchi urbani

    Parchi urbani

  • Demanio Pianobello

    Demanio Pianobello

  • Peloritani

    Peloritani

  • Noto antica

    Noto antica

  • Acquedotto romano

    Acquedotto romano

  • Simeto

    Simeto

  • Riserva Fiumedinisi

    Riserva Fiumedinisi

  • Barocco

    Barocco

  • Valle Agro

    Valle Agro

  • Terme romane

    Terme romane

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Mare

    Mare

  • Immacolatelle

    Immacolatelle

  • Archeologia

    Archeologia

  • Rifugi

    Rifugi

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Greci

    Greci

Italiano English Etna - Martedì 16-04-2024 16:34:36 - Il sole sorge alle 06:20 e tramonta alle 19:38 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Cugno Case Vecchie -- Santa Lucia di Mendola -- Montagna di Ramacca -- Faggio della Rocca -- Canalone dei Faggi -- Hanno visitato il sito: 92.918.200 utenti - Nel 2024: 1.597.942 - Nel mese di Aprile: 198.076 - Oggi: 8.840 - On line: 115

Foto - Cuba di Castiglione
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Cuba di Castiglione

Descrizione:
Il tempio sito nella Valle dell'Alcantara, denominato a "Cuba", ma dedicato a Santa Domenica, come diceva il Lojacono forse per tradurre in forma latina la sua antichissima dedica a Santa Ciriaca, appartiene alla cosiddetta Nuova Età che va dal VII Sec. fino al IX Sec., segnando così la fine dell'Antichità. Il lato Sud di questo vetusto complesso doveva essere strutturalmente e funzionalmente associato ad un altro edificio monastico, sorto successivamente; la porta murata durante i restauri sul finire degli anni 50, da parte di P. Lojacono, è un chiaro esempio di comunicazione chiesa - monastero. La cupola a vela del naos era fortemente spaccata in più punti, e alcuni speroni mancanti o disgregati non potevano assicurare più l'equilibrio dell'insieme. Si aggiunga che fondazioni allo scoperto, squarci interni e l'asportazione di grossi blocchi di base di alcuni pilastri portanti avrebbero costituito l'inizio ad un eventuale pregiudizio alla stabilità. La Chiesa di Santa Domenica sorse probabilmente tra il 775 ed i primi anni dell'800, dopo la morte dell'imperatore Costantino V figlio dell'imperatore Leone III detto l'Isaurico; si distinsero entrambi nella lotta iconoclasta che decretarono ed operarono sempre nel nome di Dio, facendo credere che le immagini fossero idoli e i veneratori idolatri; dunque, sia gli uni che gli altri, venivano distrutti. Furono dunque i monaci i veri costruttori ed architetti delle cinque Cube nella Valle dell'Alcantara? Inoltre la Chiesa di Santa Domenica per essere la più grande della Valle dell'Alcantara, lascia supporre che il Sito di Contrada "Cuba" doveva essere densamente abitato, e che le altre quattro "Cube" dovevano roteare intorno; analizzando invece i diversi reperti archeologici trovati in Contrada Imbischi in Contrada Cuba e dintorni, notiamo che il passato di questi territori è legato alla stessa civiltà. Anche se il materiale impiegato per la costruzione di Santa Domenica è molto diverso nelle qualità da quello delle Chiese dell'Anatolia, la Chiesa di Santa Domenica sembra derivi dalle tradizionali costruzioni a Basiliche che poggiano su enormi spazi con grandi cupole al centro, e nel contesto di queste forme, si ricorda la Chiesa di Santa Sofia di Costantinopoli o Chiesa Grande. La Chiesa di Santa Domenica è stata dichiarata Monumento Nazionale il 31 Agosto del 1909 dopo la relazione del Prof. Sebastiano Agati della Regia Soprintendenza di Siracusa.
Da http://web.tiscalinet.it/Castiglione_di_Sic/cuba.htm
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti del sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.4.0 Italia(CC BY-NC-SA 4.0 DEED)