• Monte Vetore

    Monte Vetore

  • Grotta Acqua Vitale

    Grotta Acqua Vitale

  • Alcantara riva

    Alcantara riva

  • Pozzo di Ruggero

    Pozzo di Ruggero

  • Monti Silvestri

    Monti Silvestri

  • Grotta Marsal

    Grotta Marsal

  • Chiappazza Balsama

    Chiappazza Balsama

  • Chiesa della Maddalena

    Chiesa della Maddalena

  • Campanarazzu

    Campanarazzu

  • Lago Gurrida

    Lago Gurrida

  • Torre Albospino

    Torre Albospino

  • Ramulia

    Ramulia

  • Monte Gallo Galvarina

    Monte Gallo Galvarina

  • Rifugio del Sole

    Rifugio del Sole

  • Rifugio Ariel

    Rifugio Ariel

  • Rifugio Milia

    Rifugio Milia

  • Scifi San Michele

    Scifi San Michele

  • Rifugio monte Grosso

    Rifugio monte Grosso

  • Necropoli santa Barbara

    Necropoli santa Barbara

  • Grotte di Caratabia

    Grotte di Caratabia

  • Current
Etna - Martedì 04-10-2022 05:31:43 - Il sole sorge alle 06:57 e tramonta alle 18:39 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Pidata di sant'Agata -- Chiesa Carmine Nunziata -- Monte Castellaccio -- Bosco di Centorbi -- Sieli -- Pozzo Blandini -- Hanno visitato il sito: 34.239.275 utenti - Nel 2022: 13.127.737 - Nel mese di Ottobre: 334.654 - Oggi: 16.889 - On line: 223

Foto - Stabilimento Monaco
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Stabilimento Monaco

Foto di: Salvo Nicotra

Descrizione:
Un tempo, lo stabilimento "Francesco Monaco e Figli" sorgeva vicino alla stazione della Circumetnea. Il fabbricato misurava circa 125 metri di profondità con 60 di prospetto e si elevava con i suoi quattro piani per quasi 18 metri. Gli altri locali, magazzini, uffici, il fondaco, si estendevano fino a via Roma. Le attività che vi si svolgevano erano diverse: pastificio, distilleria e mulino. Nel 1910, i fratelli Monaco si divisero le diverse branche produttive, Antonino impiantò a Catania la distilleria e l'industria dei derivati dell'alcool e Lorenzo continuò a Misterbianco con il mulino e il pastificio. Il mulino in 24 ore era capace di produrre circa 500 quintali di sfarinati. Vi arrivarono a lavorare fino a 200 persone. Nel 1900 i Monaco cominciarono la produzione dei cognac. Si racconta che le loro cantine potessero contenerne costantemente una riserva di oltre 2000 ettolitri. La fama dello stabilimento era tale che, nel 1901, perfino il ministro Giovanni Giolitti volle venire a Misterbianco per visitare lo stabilimento. Nel 1919, grazie ai Monaco si ebbe la prima illuminazione elettrica; fin dal 1866, infatti, le strade del centro storico erano illuminate con fanali e lampioni a olio. Grazie a un contratto tra la ditta Monaco e il Comune, dunque, fu la zona dello stabilimento a godere di questo vantaggio. La corrente veniva erogata agli utenti senza contatore, a forfait; per avere l'illuminazione pubblica e privata in tutto il paese si dovette aspettare il 1923. Lo stabilimento contava anche attività di riparazione e manutenzione, con una falegnameria, un reparto per confezionare i sacchi, una fucina, un'officina meccanica, dotata di macchinari per l'epoca modernissimi; un grande pozzo per la necessità di acqua. Nel corso della sua lunga carriera industriale, la ditta ebbe numerosi attestati di stima e di simpatia; premi, riconoscimenti e medaglie in mostre ed esposizioni, da Catania a Palermo, a Parigi. Lo Stabilimento Monaco con le sue modernità era un'industria all'avanguardia che eccelleva nella capacità organizzativa, nella produzione e nell'esportazione. Tutto avrebbe fatto pensare a uno sfolgorante futuro e, invece, la sera del 20 aprile 1922 il fuoco (pare fatto appiccare dallo stesso Monaco, snervato dalle richieste sindacali dei lavoratori) distrusse tutto, lasciando solo le mura esterne, qualche locale e la svettante ciminiera. L'impresa Monaco era conosciuta ed apprezzata in tutto il continente, infatti numerosi furono i riconoscimenti e le onorificenze conseguite alle Esposizioni Nazionali ed Estere (all'Esposizione Universale di Parigi, nel 1900, il giurì decretava il "Grande Prix" per le paste alimentari; Medaglia d'oro a Palermo nel 1891 e a Milano nel 1906 per il "Bellini", il "Cognac" e per lo "Champagne").
Da http://siciliaisoladaamare.wordpress.com/
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2022 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)