• Cerami

    Cerami

  • Leonforte

    Leonforte

  • Lentini

    Lentini

  • Sant Alfio

    Sant Alfio

  • Mongiuffi Melia

    Mongiuffi Melia

  • Mojo Alcantara

    Mojo Alcantara

  • Letojanni

    Letojanni

  • Calatabiano

    Calatabiano

  • Enna

    Enna

  • Sperlinga

    Sperlinga

  • Nicolosi

    Nicolosi

  • Fiumedinisi

    Fiumedinisi

  • Limina

    Limina

  • San Fratello

    San Fratello

  • Motta SantAnastasia

    Motta SantAnastasia

  • Fiumefreddo di Sicilia

    Fiumefreddo di Sicilia

  • Bronte

    Bronte

  • Santa Maria di Licodia

    Santa Maria di Licodia

  • Roccalumera

    Roccalumera

  • Roccavaldina

    Roccavaldina

Italiano English Etna - Martedì 20-02-2024 22:46:16 - Il sole sorge alle 06:41 e tramonta alle 17:45 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Grotta eremo sant'Anna -- Quercia Marchesana -- Sambuchetti Campanito -- Monastero san Nicolò la Rena -- Contrada Fildidonna -- Villa Moncada -- Tipuana di villa Moncada -- Cisterna della Regina -- Fico della Rotonda -- Quercia santa Lucia -- Faggi della Cubania -- Fau di Saraneddu -- Roverella di Pomazzo -- Acero del bosco Nicolosi -- Stafenna -- Quercia di Tremonti -- Roverella di Tremonti -- Quercia Dante -- Betulla di Magazzeni -- Roverella Carpene -- Casa della Capinera -- Grotta Comune monte Ilice -- Hanno visitato il sito: 92.094.376 utenti - Nel 2024: 774.118 - Nel mese di Febbraio: 296.101 - Oggi: 15.780 - On line: 254

Foto - Torre Vignazza
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Torre Vignazza

Descrizione:
Nel 1544, in seguito alle incursioni del corsaro Kheir-ed-Din Barbarossa, a capo Schisò furono costruite alcune strutture militari: la torre del castello di Schisò, un basso fortino ora inglobato nel Museo Archeologico e un punto di osservazione in località Vignazza. La torre Vignazza, una costruzione quadrangolare a 3 elevazioni fuori terra, controllava il tratto di costa a sud del porto di Schisò ed era in collegamento visivo con il castello di San Marco a Calatabiano, grazie a due garitte che si trovavano nelle contrade Jannuzzo e Recanati. Nel corso del XVI secolo i pirati provenienti da Tripoli, Tunisi e Algeri con piccole imbarcazioni veloci assalivano e saccheggiavano i villaggi costieri; per contrastare queste incursioni furono costruite delle torri lungo tutta la costa della Sicilia che non permettevano di affrontare il nemico a viso aperto ma erano dei punti di avvistamento. Il guardiano del torrione, quando un vascello sospetto si avvicinava alla costa, sparava un colpo di avviso per intimare all'imbarcazione di accostare e farsi riconoscere. Se questa si allontanava ignorando l'ordine, dalla torre si inviavano subito segnali di fumo o di fuoco alle torri vicine fino a che quando la richiesta d'aiuto veniva raccolto dalla più vicina guarnigione, o dal porto più vicino, che poteva così intervenire per contrastare l'incursione dei pirati. Contemporaneamente dalle torri costiere in allarme messaggeri a cavallo avvisavano del pericolo gli abitanti delle case isolate e i villaggi dei pescatori. Le scorrerie dei corsari nel Mar Mediterraneo cessarono definitivamente solamente nel 1830 quando Algeri venne conquistata dai francesi.
Da Comune Giardini Naxos
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)