• Giardini Naxos

    Giardini Naxos

  • Pagliara

    Pagliara

  • Roccafiorita

    Roccafiorita

  • Alcara Li Fusi

    Alcara Li Fusi

  • Patti

    Patti

  • Terme Vigliatore

    Terme Vigliatore

  • Randazzo

    Randazzo

  • Piraino

    Piraino

  • Tripi

    Tripi

  • Caronia

    Caronia

  • Nizza di Sicilia

    Nizza di Sicilia

  • Enna

    Enna

  • Messina

    Messina

  • Roccalumera

    Roccalumera

  • Torrenova

    Torrenova

  • Santa Teresa Riva

    Santa Teresa Riva

  • Riposto

    Riposto

  • Bronte

    Bronte

  • Calascibetta

    Calascibetta

  • Ragusa

    Ragusa

Italiano English Etna - Sabato 13-04-2024 05:50:09 - Il sole sorge alle 06:24 e tramonta alle 19:35 - Luna crescente luna
Le news di Etnanatura -- Santa Lucia di Mendola -- Montagna di Ramacca -- Faggio della Rocca -- Canalone dei Faggi -- Cava Alfano -- Cozzo Matrice -- Cava del Cassibile -- Pioppo contrada Ilice -- Querce sant'Anna -- Hanno visitato il sito: 92.876.631 utenti - Nel 2024: 1.556.373 - Nel mese di Aprile: 156.507 - Oggi: 2.223 - On line: 113

Foto - Grotta del Diavolo
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Grotta del Diavolo

Foto di: Mimmo Guzzetta(Nonna Syria)

Descrizione:
Nella sciara del Follone sul campo lavico dell’eruzione 1614-1624 a quota 2370, sul versante nord occidentale dell’Etna, vi si trova una delle più maestose grotte di scorrimento lavico, a monte delle famose grotte del Gelo, Aci e Lago, dal nome un po’ emozionante e tenebroso “ la grotta del Diavolo “ , non a caso, il nome attribuito (forse dai pastori o da vecchie leggende). La Grotta del Diavolo mostra l’afflusso della potenza lavica dell’Etna nei dieci anni d’attività con i suoi 290 m e un dislivello 61°, il suo misterioso ambiente accompagnato da uno strano percorso, forme e disegni inquietanti, che fanno pensare un percorso tenebroso che conduce alla porta degli inferi. L’ingresso della grotta è rivolto verso monte, si presenta largo e alto a causa del crollo della volta, con grossi massi di lava che accompagnano al suo interno. Con l’aiuto di una corda di 20 metri si scende tranquillamente con imbraco di emergenza. Nel primo tratto il camminamento si percorre su lave a superficie unita, ma dopo diventa scoriaceo. All'interno vi sono piccole bocche effimere che alimentavano mini canali lavici che alimentavano in altre fasi successive la condotta. Lungo la galleria si notano strati di lava staccati dalle parete, importanti crolli dalle volte, ma soprattutto grande sale (I=12m x H= 25m ) e belle, dalle strane morfologie con mensole, cascate di lava e tunnel sovrapposti a notevoli altezze. Si scende a valle con forte pendenza, a metà grotta uno scivolo di quattro metri conduce a un altro livello, con un’ampia sala dalle stesse affascinanti caratteristiche della prima. Nell'ultimo tratto della galleria, le pareti e la volta sembrano più compatti fino a finire con il restringimento creando una fessura che impedirà di proseguire.
Il diversamente speleo Mimmo Guzzetta- Nonna Siria
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti del sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.4.0 Italia(CC BY-NC-SA 4.0 DEED)